street art

Quest’anno per la prima volta a Forlì, si terrà il “Festival di Street Art”, un’occasione per recuperare e valorizzare “le pareti” del centro storico. Promosso dal Comune di Forlì, dal Centro di Aggregazione Giovanile “Officina52” in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Forlì e l’Associazione culturale “RomagnaInFiore”, il festival si svolgerà da sabato 7 aprile nel parcheggio sottostante al San Domenico in cui gli artisti potranno dare il loro sfogo.
I writers principali sono Millo, Zed1, Eron, Gola, Moneyless, Camilla Falsini e Andrea D’Ascanio, ma si può arrivare fino a un massimo di 50 artisti. Ad ora coinvolte sul tema della riqualifica urbana, sono Binney and Smith Itd (Europe), nonché la Crayola, la Cna e la Conad, ma sono in corso trattative con ulteriori partner.
Il direttore artistico è Marco Miccoli e in più ci saranno interventi co-finanziati da aziende del territorio che adotteranno le opere dei writers, i quali dovranno creare murali sul tema della “libertà”, intesa come principio fondamentale sancito dalla Costituzione della Repubblica nel 1978 e di cui quest’anno il cinquantesimo anniversario.

Sara Sartoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteConsulta Laica Forlivese: "I luoghi istituzionali diventino spazi laici di tutte e di tutti"
Articolo successivoDiabetes Marathon: a Bertinoro un corso ECM e la cena inaugurale con il testimonial Mercadini
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).