Fanzinoteca d'Italia

Il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 propone, domenica 22 aprile, evento per la Giornata della Terra/Earth Day 2018, con una apertura pomeridiana straordinaria della sede fanzinotecaria. L’unica realtà fanzinotecaria su tutto il territorio italiano, presenta, per l’occasione l’iniziativa di sensibilizzazione denominata “Earth People – Earth ‘zines – Popolo della Terra – Fanzine della Terra”, ovvero la Terra è di tutti, le fanzine anche. Una esposizione, da visionare e partecipare, di stampe auto-edite, a libera consultazione con uno specifico percorso didattico, da guardare per avere un punto di vista sul mondo e la Terra da un’altra ottica possibile, quella filtrata dalle stesse fanzine in grado di testimoniare come la stessa auto-produzione possa allinearsi perfettamente al concetto di “Terra”. L’importante mostra fanzinografica, formata da centinaia e centinaia di fanzine provenienti da tutto il mondo, viene proposta al pubblico, anche attraverso il valore socio-culturale che le auto-edizioni rivestono, per condividere l’obiettivo di promuovere la formazione di una nuova coscienza ambientale in grado di nascere grazie allo scambio culturale e al confronto sui temi ambientali del mondo, fanzine incluse. Una occasione di conoscenza e comprensione delle realizzazioni fanzinare che abbracciano la Terra, un momento di condivisione generale per sensibilizzare le persone alla tutela e benessere del Pianeta. Per il pubblico, fino ad esaurimento, fanzine in omaggio.
L’aspetto fanzinaro viene proposto in un evento che entra a far parte del più importante momento di celebrazione della madre Terra, ma non solamente in un unico momento di celebrazione, anche oltre, giorno dopo giorno: Earth Day, Every Day. Quindi, anche nel 2018 la Giornata Mondiale della Terra sarà celebrata con numerose iniziative in tutta la Penisola per sensibilizzare quante più persone possibile alla tutela del Pianeta. L’Earth Day – Giornata della Terra, è il più potente strumento di richiamo alla tutela del Pianeta in tutte le culture per tutte le generazioni, ogni anno vede la partecipazione, nei 193 Paesi delle Nazioni Unite, da parte di un miliardo di cittadini attraverso 22mila organizzazioni, Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 ne è parte. Si tratta della più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. La Giornata della Terra, momento fortemente voluto dal senatore statunitense Gaylord Nelson e promosso ancor prima dal presidente John Fitzgerald Kennedy, coinvolge ogni anno tantissime persone di tutto il mondo. Facciamo presente che il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 è sempre stato in prima linea per promuovere la sensibilizzazione alle problematiche sociali ed ambientali, questa iniziativa prende corpo dall’impegno che si porta avanti da anni, ben supportato dalla consapevolezza dei reali valori sociali.
Il 2018 è l’ottavo anno di frenetica attività fanzinotecaria, un traguardo non da poco, considerando l’unicità di questa realtà oltre alla forza economica investita solamente dalla associazione e dagli stessi volontari. Un risultato, quindi, di cui essere ben fieri ma, al tempo stesso, anche un punto di partenza. Non è che l’inizio, perché 8 anni di immancabile successo significano la certezza che questa unica realtà può soltanto crescere ancora.
Inaugurata nel 2010 la prima, ed unica, Fanzinoteca d’Italia è diventato oggi uno dei più importanti luoghi del panorama per la cultura non ufficiale italiana. In otto anni di attività e iniziative e proposte oggi possiamo contare ben oltre 6.000 pezzi presenti in sede, con circa 1.000 eventi di spessore locale, nazionale ed internazionale, più di 65.000 partecipanti/visitatori (provenienti da tutta Italia, Francia, Germania e Usa), nove tesi di laurea supportate con assistenza esterna, sette le tesi che analizzano nel suo insieme la Fanzinoteca stessa, una raccolta di circa 20 tesi di laurea dedicate al tema fanzinaro, il tutto con un coinvolgimento generico di oltre 83.000 appassionati. Dal 2010 ad oggi il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 si è conquistato un’attenzione particolare da parte del grande pubblico e degli addetti ai lavori per l’importante ruolo nazionale che è in grado si svolgere nella sua unicità, con la promozione della cultura alternativa. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni sull’esclusiva “Biblioteca delle fanzine” visitate il sito www.fanzinoteca.it o contattateci fanzinoteca@fanzineitaliane.it.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMaxi sequestro di 3,3 milioni della Guardia di Finanza
Articolo successivoAl via una rotatoria sperimentale tra le vie Corridoni, II Giugno e della Rocca
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.