“Il diario di Jane Somers”

0

Titolo del libro: “Il diario di Jane Somers“. Autrice Doris Lessing.

Trama: La protagonista è una donna che si è realizzata sul lavoro, sicura di se’, abituata ad una vita confortevole. Su di lei la morte di due persone care sembra scivolare senza troppe conseguenze, come se il dolore della loro malattia potesse in qualche modo trasferirsi su di lei. Ad un certo punto inizia a dedicarsi ad una vecchietta di 90 anni sconosciuta. Questo incontro casuale, dopo un’iniziale repulsione, si trasforma in una stretta amicizia, e un legame quasi simbiotico. Prima inizia a condividere le manie e le abitudini della vecchina e lentamente si scontrerà con parole per lei nuove; come tristezza, povertà, solitudine, morte. Le sue visite sono prima una specie di dovere, poi diventano una necessità; come se cercasse nuove emozioni quali il bisogno e l’esigenza di esistere per qualcuno. La donna poi attraverso la malattia della vecchina, un cancro allo stomaco che la porterà alla morte dopo mesi di sofferenza, proverà per la prima volta il significato del dolore emotivo.

Valutazione: discreta. ¾ stelline.

Commento: la scrittrice affronta con delicatezza e leggerezza temi tristi quali la vecchiaia e la solitudine, lasciando però un po’ di amaro in bocca. E’ una specie di riflessione sulla condizione dell’anziano e dell’assistenza dei servizi sociali, sulla vecchiaia, sulla vita, sulla morte e sul tempo che passa e relativi i rimpianti. E’ un libro velato di tristezza e dell’esigenza di voler bene a qualcuno da cui ci si sente voluti bene. La donna attraverso la malattia della vecchietta cambierà se stessa e le sue priorità. E’ un libro molto commovente e alla morte della nonnina finalmente proverà il dolore del lutto che non aveva conosciuto con i suoi cari.

A chi ne consigliamo la lettura e perchè. A tutti coloro che desiderano confrontarsi con il dolore e fare una riflessione sulla vita e sulla morte.

Note sull’autrice: Doris Lessing nata nel 1919 in Turchia e morta nel 2013 a Londra. È una scrittrice britannica che ha vinto il premio Nobel per la letteratura 2007. Considerata tra le autrici contemporanee più originali grazie alle sue principali opere come “La noia di essere moglie“, “L’abitudine di amare” e “Amare ancora“.

Loretta Spada

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa conferenza "Tra desiderio e peccato: l'amore nella letteratura del Cinquecento"
Articolo successivoIl saluto di monsignor Lino Pizzi
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).