biblioteca di forlì

Venerdì 13 aprile, alle ore 15,00, nella Biblioteca Comunale Aurelio Saffi, in corso della Repubblica 78 a Forlì, nell’ambito del seminario di studi nel ricordo di Mariacristina Gori, si svolgerà il primo incontro sul tema: “Dal Rinascimento all’architettura dell’età Barocca“. Dopo il saluto introduttivo di Elisa Giovannetti assessore del Comune di Forlì e l’introduzione di Franco Sami interverranno Silvia Massari, Giordano Conti e Serena Vernia che relazioneranno rispettivamente su: “L’appalto scultoreo del Palazzo del Merenda nella ricerca di Mariacristina Gori”; “Rinascimento e rinascenze rurali in ambito forlivese e romagnolo”; “Architettura e decorazione barocca: la bellezza fra mattoni, intonaci e colori”. Coordinerà l’incontro Gabriella Poma. Ingresso libero.

Venerdì 13 aprile, alle ore 20,30, al Mondadori Bookstore, in corso della Repubblica 144 a Forlì, verrà presentato il libroGli uomini di Mussolini” di Davide Conti, Einaudi Editore, Torino 2017. L’autore sarà introdotto e intervistato da Stefania Polidori.
Alla fine della Seconda guerra mondiale molti tra i più alti vertici militari delle Forze armate italiane avrebbero dovuto rispondere di crimini di guerra. Nessuno venne mai processato in Italia e all’estero. A salvarli furono gli equilibri della Guerra fredda e il decisivo appoggio degli alleati occidentali grazie a cui l’Italia eluse ogni forma di sanzione per i suoi militari. Diversi di loro furono reintegrati negli apparati dello Stato come questori, prefetti, responsabili dei servizi segreti e ministri della Repubblica e coinvolti nei principali eventi del dopoguerra: il referendum del 2 giugno; la strage di Portella della Ginestra; la riorganizzazione degli apparati di forza anticomunisti e la nascita dei gruppi coinvolti nel «golpe Borghese» e nel «golpe Sogno» del 1970 e 1974. Il loro reinserimento diede corpo a quella «continuità dello Stato» che rappresentò una pesante ipoteca sulla storia repubblicana. Attraverso documenti inediti, Conti ricostruisce vicende personali, profili militari, provvedimenti di grazia e nuove carriere nell’Italia democratica di alcuni dei principali funzionari del regime di Mussolini.
Nel corso degli ultimi anni la storiografia si è occupata approfonditamente dei crimini di guerra italiani all’estero durante il secondo conflitto mondiale e delle ragioni storiche e politiche che resero possibile una sostanziale impunità per i responsabili. Meno indagati sono stati i destini, le carriere e le funzioni svolte dai «presunti» (in quanto mai processati e perciò giuridicamente non ascrivibili nella categoria dei «colpevoli») criminali di guerra nella Repubblica democratica e antifascista. Le biografie pubbliche dei militari italiani qui rappresentate sono connesse da una comune provenienza: tutti operarono, con funzioni di alto profilo, in seno all’esercito o agli apparati di forza del fascismo nel quadro della disposizione della politica imperiale del regime, prima e durante la Seconda guerra mondiale. La gran parte di loro venne accusata, al termine del conflitto, da Jugoslavia, Grecia, Albania, Francia e dagli angloamericani, di crimini di guerra. Nessuno venne mai processato in Italia o epurato, nessuno fu mai estradato all’estero o giudicato da tribunali internazionali, tutti furono reinseriti negli apparati dello Stato postfascista con ruoli di primo piano. Le loro biografie dunque rappresentano esempi significativi del complessivo processo di continuità dello Stato caratterizzato dalla reimmissione nei gangli istituzionali di un personale politico e militare non solo organico al Ventennio ma il cui nome, nella maggior parte dei casi, figurava nelle liste dei criminali di guerra delle Nazioni Unite.
Ingresso libero.