La Chiesa del Suffragio di Forlì, messa a disposizione dal rettore don Paolo Giuliani, ha ospitato nel giorno di Pasquetta un evento di solidarietà organizzato dall’Associazione onlus Lions “Acqua per la vita” Nell’occasione il Coro Intercity Gospel Train Orchestra, diretto da Valerio Mugnai, ha tenuto un concerto per raccogliere fondi per completare entro il prossimo mese di maggio la costruzione di un pozzo nel villaggio poverissimo di Saubù, ubicato a sud-ovest di Ouagà, capitale del Burkina Faso, in una zona desertica dove la presenza dell’acqua fa la differenza fra la vita e la morte specialmente per i tantissimi bambini presenti.
“Acqua per la vita” è una Onlus del Lions nazionale, attualmente presieduta da Franco Sami socio del Lions Club Forlì Host, nonché past Governatore del Distretto Lions 108 A. L’associazione opera da oltre 15 anni in Africa ed ha realizzato più di 150 pozzi portando così acqua buona e potabile a circa 500.000 abitanti in zone dove le terre sono aride e con i campi che spesso non sono coltivabili proprio perché manca l’acqua. Il sodalizio Lions è composto da 82 soci provenienti da tutte le Regioni d’Italia, tutti volontari, che mettono a disposizione una parte del loro tempo e le loro competenze gratuitamente per il nobile fine di alleviare le penose condizioni di vita di tante persone meno fortunate di noi.
L’evento ha riscosso un ottimo successo registrando ben oltre 250 presenze, attente ai temi dell’acqua nel mondo trattati nell’intervento di apertura dal presidente Franco Sami così come il successivo concerto gospel, creando così un piacevole abbinamento fra la solidarietà, l’armonia, la musica e la bellezza dell’architettura della Chiesa del Suffragio. Ottimo anche il risultato economico essendo stati raccolti 2.200 euro.
La folta presenza di pubblico testimonia inoltre la sensibilità dei forlivesi su temi oggi così attuali e drammatici, consci che la carenza idrica ormai colpisce i 2/3 del mondo e anche il nostro paese non ne è immune. Da questa consapevolezza è partito l’appello per un uso parsimonioso di questa vitale risorsa e per evitare ogni forma di spreco.

CONDIVIDI
Articolo precedenteM5S: "Tutta la giunta indagata per un nostro esposto sull'incarico al capogruppo del Pd di Parma"
Articolo successivoInRete: in arrivo 3200 contatori elettronici del gas a Forlimpopoli e Meldola
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.