Difendiamo-lambiente-con-le-unghie

Giovedì 15 marzo alle ore 20,30, nel Salone Comunale in piazza Saffi 8 a Forlì, si terrà la presentazione dei risultati dell’iniziativa “Difendiamo l’ambiente con le unghie” che ha coinvolto i comitati di quartiere di Forlì e le associazioni ambientaliste del Comune di Forlì. «L’iniziativa si basa su un’indagine che ha comportato la ricerca di 23 metalli pesanti nelle unghie di 238 bambini forlivesi delle scuole primarie che si sono sottoposti allo studio» – come spiegò ad ottobre scorso in conferenza stampa Luisa Memore che con Isde Torino condusse uno studio analogo dal 2013 al 2015 su 270 bambini prima dell’avvio dell’inceneritore del Gerbido e poi nei 2 successivi – già si può dire con certezza che nelle unghie dei nostri bambini sono presenti cadmio, nichel, piombo, arsenico, mercurio che non dovrebbero proprio esserci».
In apertura saluti dal sindaco di Forlì Davide Drei. Modera l’evento Loretta Prati, portavoce del coordinamento ambientale interquartieri. Relatori: Patrizia Gentilini e Ruggero Ridolfi. Videoconferenza da New York con l’intervento di Roberto Lucchini, professore di medicina del lavoro dell’Università di Brescia e Dept. Preventive Medicine, Mount Sinai School New York, Usa.
L’evento è realizzato con il contributo delle associazioni ambientaliste del Comune di Forlì: Isde Associazione medici per l’ambiente, Ail Forlì-Cesena, Clan-Destino per i cittadini e l’ambiente, ItaliaNostra, ProNaturaForlì, Wwf Forlì, Amici della Bici Forlì, Corpo della Guardia Zoofila Ambientale, Un punto Macrobiotico, Agesci Forlì.

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Palazzo Romagnoli il ricordo della famiglia di Fulcieri Paulucci di Calboli
Articolo successivoFesta della Liberazione nazionale: il bando del concorso per studenti
Sono nata nel 1992 e vivo da sempre a Forlì. Dopo una laurea triennale in Scienze Internazionali Diplomatiche, in ottobre 2016 conseguo la laurea magistrale in Mass Media e Politica presso la Facoltà di Scienze Politiche “R. Ruffilli” di Forlì. Poi la passione per la comunicazione mass mediale mi ha portato a studiare la Lingua dei Segni per i sordomuti presso la Facoltà di Interpreti e Traduttori di Forlì, con il secondo livello a giugno 2017, e nel frattempo ho condotto un programma radiofonico sui Borghi più belli di Romagna. Il mio peggior difetto? (Ormai, ahimè, reso pubblico) Debbo uscire sempre con carta e penna per prendere nota di tutto ciò che trovo interessante!