gas

Individuare la migliore fornitura gas per la propria abitazione è molto importante per poter risparmiare senza in alcun modo rinunciare alla qualità, di conseguenza è fondamentale che tale scelta venga effettuata in modo oculato.

L’odierno mercato del gas in Italia

Ancor prima di fare il punto su come ci si può muovere per individuare la migliore fornitura gas dedicata alla propria casa, è importante sottolineare un aspetto, ovvero il fatto che oggi in Italia il mercato del gas è liberalizzato.
In passato in questo settore vigeva un regime di monopolio, mentre dall’anno 2003 è avvenuta la liberalizzazione, questo significa che imprese concorrenti possono tranquillamente proporre il loro prodotto stabilendo il prezzo in autonomia.
Può essere molto interessante distinguere diverse tipologie di società operanti in questo settore, ovvero trasportatore, grossista, distributore e società di vendita.
Il trasportatore è la società che possiede e gestisce le infrastrutture necessarie per il trasporto del gas, il grossista è la società che possiede il gas che viene trasportato, il distributore corrisponde al proprietario o al gestore in concessione delle reti di distribuzione, mentre la società di vendita è la proprietaria del gas presente nelle reti gestite dal distributore.
La società di vendita si preoccupa appunto di vendere il prodotto al cliente finale, dunque è proprio con questo tipo di aziende che il consumatore si ritrova a interfacciarsi.

Dei dati fondamentali: costo materia prima e costo medio in bolletta

Ci sono una serie di aspetti che è bene tenere in considerazione nel momento in cui si sceglie per che tipo di proposta optare per la fornitura di gas nella propria abitazione.
Sicuramente sono dei dati fondamentali il costo della materia prima e il costo medio in bolletta, una voce che indica il costo di un metro cubo standard comprensivo di IVA e di tutti gli altri oneri; il costo medio in bolletta rappresenta dunque un dato più rilevante per il consumatore che sta cercando di individuare la più vantaggiosa fornitura di gas.

Altri aspetti da considerare

Ci sono anche degli altri aspetti che devono essere ben considerati nel momento in cui si opta per un determinato pacchetto, ovvero delle caratteristiche che contraddistinguono la propria abitazione e, in generale, le proprie esigenze soggettive.
Sicuramente una certa influenza il comune di residenza, dal momento che in determinate zone d’Italia il consumo di gas tende ad essere maggiormente elevato per ragioni climatiche.
Bisogna aver chiaro per quale motivo si utilizza il gas, se per il riscaldamento della casa o principalmente per la cucina o per la produzione di acqua calda, è importante tenere in considerazione le dimensioni dell’immobile, inoltre non va trascurato il tipo di contratto che si intende sottoscrivere, dunque una nuova attivazione, un cambio di operatore, un subentro o una voltura.

Far riferimento al web per una scelta consapevole

Per individuare la fornitura gas ottimale in relazione alle proprie necessità oggi il web può rivelarsi di grande aiuto.
In rete si possono individuare con precisione tutti i dati necessari per poter operare la propria scelta con piena consapevolezza, allo stesso tempo è possibile utilizzare i comparatori.
I comparatori sono degli strumenti online che consentono, con un semplice click di individuare le proposte più interessanti coerentemente con le proprie necessità, le quali possono essere specificate indicando una serie di semplici dati relativi alla propria utenza.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSangiovannese sugli scudi Forlì trafitto in casa
Articolo successivoIl fecale senso civico
Lo Staff comprende tutti i membri di 4live. Attivo fin dalla nascita di 4live (01.07.2011) ha lo scopo di comunicare tutte le informazioni e novità relative al nostro progetto.