indignato forlivese

A Forlì i lavori al sottopasso di via Gorizia, e il cambio dei tempi del semaforo in via Sapinia, hanno colto di sorpresa i forlivesi creando da due giorni un forte disagio alla circolazione stradale. I lavori che si stanno svolgendo nel sottopasso ferroviario di via Monte San Michele, infatti, stanno creando problemi a chi deve raggiungere via Gorizia e viale Italia. Chi proviene dalla tangenziale, o dalla via Lughese, è stato costretto a deviare e cercare un percorso alternativo. Chi arriva da via Ravegnana non trova la segnaletica di preavviso al Foro Boario ed è costretto, una volta raggiunta a fatica la rotonda con via Monte San Michele, a ritornare indietro in via Ravegnana. Tanto è vero che da ieri in via Gorizia la lunga fila di auto è continua praticamente ad ogni ora della giornata. Si tratta di lavori programmati e non stiamo a sindacare sul necessario intervento, ma una migliore gestione della viabilità e una più chiara collocazione della segnaletica stradale eviterebbero gran parte del disagio. In merito invece alla problematica degli impianti semaforici di viale Bologna e via Sapinia, il quartiere Romiti e molti cittadini hanno provveduto a segnalare il disagio e il mal funzionamento dei rispettivi impianti e temporizzazioni degli stessi ad Hera Luce, società che gestisce la pubblica illuminazione e i semafori del Forlivese, per un veloce ripristino della regolazione dell’intersezione stradale. Vista la vicinanza di tre impianti semaforici, a distanza di poche centinaia di metri l’uno dall’altro, non sarebbe il caso di progettare una rotonda per eliminare qualche impianto e snellire il traffico?