Valentina-Rossi Potere al Popolo

«Leggiamo dell’astensione sul voto di fiducia del Consigliere comunale di Liberi e Uguali, Lodovico Zanetti, che ancora siede tra gli scranni della maggioranza e si ripropone fiero alleato di Drei, in coerenza con la posizione assunta a livello nazionale dal suo schieramento che continuerà a sostenere esternamente il Partito Democratico.
Pur non volendo entrare nel merito dei procedimenti giudiziari in corso, un giudizio politico è, tuttavia, necessario perché in questi ultimi quattro anni abbiamo assistito, oltre ad episodi politicamente imbarazzanti, a molteplici virate a destra della giunta di centro“sinistra”.
L’Amministrazione comunale, a guida PD, ha, infatti, promosso e potenziato la cementificazione, incentivando politiche di deregolamentazione urbanistica. La variante di dicembre 2017 al POC è solo l’ultima di una serie di decisioni che hanno permesso di consumare altro suolo quando ci sono intere porzioni della città lasciate inutilizzate e al degrado urbano. Nel 2015 vi è stata l’istituzione della task force in centro, un provvedimento dispendioso e inutile che ha, per certi aspetti, anticipato il deprecabile decreto Minniti-Orlando, senza che mai sia intervenuta una pianificazione strategica degli eventi in grado di animare la vita del centro città e delle periferie, limitando, in questo senso, anche il contributo dei comitati di quartiere. L’Amministrazione poi, nonostante le sue dichiarazioni mirabolanti, non ha imposto alcun divieto effettivo di concessione degli spazi pubblici alle organizzazioni neofasciste, salvo poi, all’indomani dell’8 dicembre, intestarsi, in concorrenza con Liberi e Uguali, un ordine del giorno già proposto ad inizio legislatura che, tuttavia, non è mai stato discusso. Quanto, poi, alla gestione della spesa, la linea adottata dalla Giunta Drei è stata quella del disinvestimento sui servizi pubblici destinati ai cittadini, lasciandone alcuni, come i servizi di doposcuola, completamente in carico agli utenti. Relativamente al bilancio, è stata perseguita una politica iniqua e vessatoria nei confronti dei cittadini più deboli, come, per esempio, le addizionali IRPEF aumentate per i redditi più bassi.
Venendo, poi, alle acclarate incapacità gestionali, si ricordino i debiti fuori bilancio che hanno profilato l’ipotesi di commissariamento e l’assunzione di persone prive di laurea per posizioni amministrativo-gestionali che necessitano del possesso di tale titolo.
Il giudizio su questa Amministrazione è, pertanto, assolutamente negativo perché si persevera in una gestione inadeguata e precaria che, non più tardi del 2016, ha condotto ad uno sterile rimpasto di giunta e ad un avvicendamento ormai ciclico di assessori all’ambiente e al bilancio. Liberi e Uguali menziona l’etica, ma dinanzi ad uno scenario tanto impietoso è ragionevole chiedersi quale sia il significato che tali sostenitori del centrosinistra attribuiscono al termine, quando le politiche promosse vanno contro ai cittadini più in difficoltà e favoriscono speculatori e imprese “amiche”».

Valentina Rossi Potere al Popolo Forlì

CONDIVIDI
Articolo precedenteCostumi di carnevale
Articolo successivoUn'apparizione
Lo Staff comprende tutti i membri di 4live. Attivo fin dalla nascita di 4live (01.07.2011) ha lo scopo di comunicare tutte le informazioni e novità relative al nostro progetto.