Paola Negosanti

Le parole fanno la differenze… più di quanto noi possiamo immaginare. Ancora oggi possiamo trovare termini come: disabili, persone disabili, portatori di handicap o altri termini creativi e fantasiosi all’interno di un articolo giornalistico o servizio televisivo o semplicemente una conversazione quotidiana. L’evoluzione del pensiero della conoscenza nel mondo della disabilità ha permesso l’approvazione della Convenzione della Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità avvenuta nel 2006, che può essere considerata una vera e propria scossa culturale nel campo della disabilità, che si concretizza in una nuova consapevolezza che vede la disabilità come una condizione ordinaria che ognuno di noi vivrà nella propria vita. Infatti introduce e definisce un termine interessante all’interno del primo articolo: per persone con disabilità si intendono coloro che presentano durature menomazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali che in interazione con barriere di diversa natura possono ostacolare la loro piena ed effettiva partecipazione nella società su base di uguaglianza con gli altri. L’evento positivo di questo terremoto ha bisogno di tempo per modificare la cultura della disabilità. Fatevi condizionare da questo terremoto! Non dimenticando che siamo tutte persone!

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteOneTeam, 35 allenatori al clinic di Renato Pasquali
Articolo successivoLa bufala dei 35 € nella bolletta Enel per compensare il debito accumulato dai morosi
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).