Basket Unieuro Forlì-Ferrara

Bondi Ferrara – Unieuro Forlì: 87-81

Che Ferrara fosse una squadra più fisica di Forlì non lo si scopriva certo oggi. Gli uomini di Bonacina giocano una partita solida facendo sfogare gli avversari nelle prime due frazioni della gara che biancorossi peraltro giocano ben focalizzati sul piano partita: intasare gli spazi nel pitturato e raddoppiare per cercare di limitare lo strapotere fisico dei lunghi azzurri. I romagnoli partono subito soffrendo ma sono bravi a non perdersi d’animo e a controbattere il 6 a 2 dell’inizio con il 14 a 0 che porta gli ospiti sul +10 (6-16) prima che salga in cattedra Mike Hall autentico mattatore della contesa (alla fine 30 punti e 15 rimbalzi)  che riporta i suoi al -5 con cui si chiude il primo parziale 11 e 16.
Gli uomini di Valli non si perdono d’animo neanche quando i padroni di casa tenendo aperto il parziale del primo quarto e arrivano fino a -3; continuano a giocare duro in difesa ne costruiscono un altro parziale che li riporta in doppia cifra di vantaggio anche grazie all’antisportivo fischiato a Panni (23-33). I beniamini del pubblico di casa si riavvicinano grazie a due giochi da tre punti – uno di Moreno e il secondo del solito Hall -; ma gli ospiti reagiscono vanno al riposo lungo con 4 punti di vantaggio (35-39).
Il terzo parziale è per definizione problematico per i biancorossi che, infatti, lo cominciano con un bellissimo sei a zero tutto griffato dal lungo statunitense che imperversa sulla partita. La frazione si chiude con i padroni di casa in vantaggio di tre lunghezze sul 63-60 con l’Unieuro che paga a caro prezzo il dominio fisico che gli estensi hanno sulla gara come ad esempio Fantoni che in questo scorcio di partita realizza 13 punti e carica i biancorossi di falli che li costringono a lunghe soste al fianco del loro allenatore. Il quarto conclusivo si apre con il regista israeliano di Forlì che perde due palloni sanguinosi grazie ai quali si scatena il contropiede dei padroni di casa. Si arriva così sino alla doppia cifra di vantaggio +11 (73-62); ma è ancora Naimy a riportare i suoi fino al -3. Castelli ha addirittura l’occasione di riavvicinare i suoi dalla lunetta ma il capitano sbaglia entrambe le conclusioni come nel peggiore dei suoi incubi e spazza via le residue speranze di vittoria forlivesi.
Il gioco da 4 punti di Fallucca serve solamente ad addolcire la pillola ai tifosi della squadra romagnola. Oggi la differenza tra vittoria e sconfitta è da ricercarsi nelle diverse prestazioni fornite da Hall e Jackson nella gara.
La guardia biancorossa, per usare un eufemismo, non a giocato una delle sue migliori partite stagionali in quel di Ferrara mentre il lungo estense ha chiuso la contesa con 30 punti 15 rimbalzi e 51 di valutazione.

Bondi Ferrara: Hall 30 (9/12, 2/6), Rush 13 (5/10, 1/5), Fantoni 13 (3/5), Cortese 11 (5/11, 0/4), Moreno 8 (3/3, 0/2), Panni 8 (1/1, 2/5), Molinaro 4 (2/4), Drigo n.e, Carella n.e, Donadoni n.e. All. Bonacina.
Tiri da due: 28/46 (61%). Tiri da tre: 5/22 (23%). Tiri liberi: 16/20 (80%). Rimbalzi: 42 (13+29). Assist: 15.
Unieuro Forlì: Diliegro 21 (9/11, 1/1), Naimy 20 (5/11, 3/9), Severini 11 (1/6, 3/5), Castelli 11 (2/3, 2/6), Fallucca 7 (0/1, 2/4), De Laurentiis 6 (3/3), Jackson 5 (0/4, 1/2), Campori (0/1 da tre), Thiam (0/1), Del Zozzo n.e, Bonacini n.e, Gallera n.e. All. Valli.
Tiri da due: 20/40 (50%). Tiri da tre: 12/28 (43%). Tiri liberi: 5/8 (63%). Rimbalzi: 29 (7+22). Assist: 18.
Parziali: 11-16, 24-23, 28-21, 24-21.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBorse di studio per il master sull'immagine e de La BCC per i giovani del territorio
Articolo successivoIl teatro di Jean Cocteau
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!