Elisa Babini e Sara Valgimigli, in arte Iza e Sara, sono due ragazze con la passione per la musica: due voci e due cantanti agli antipodi ma entrambe con idee chiare e obiettivi precisi che le portano ad essere grandi amiche ed avere affetto e stima reciproca che le rendono sempre l’una al pari dell’altra.
Anche gli stili che le attraggono sono completamente diversi: Iza è attratta dai brani italiani cantautorali e dalla sonorità jazz-swing; Sara invece preferisce il British Pop di Ellie Goulding, l’indie folk e il pop-soul.
Il loro primo album uscirà ad aprile: si intitola “Rebis” (armonia degli opposti) ed è composto da 8 tracce che hanno come filo conduttore nuovi inizi e ripartenze. Per l’occasione suoneranno live il 13 aprile al Piccadilly di Faenza, prima però “Iza & Sara quartet” si esibirà il 22 febbraio a partire dalle ore 22,00 a “La Birreria” di Faenza, e per l’occasione raccoglierà fondi per realizzare un tour nei luoghi abbandonati: le ragazze si possono aiutare al sito https://www.musicraiser.com/projects/9761 scegliendo una ricompensa preparata da loro. Se entro il 25 marzo non raggiungono l’obiettivo di 2000 euro, ai partecipanti verrà restituito il contributo, altrimenti faranno parte del progetto di Elisa e Sara ricevendo le ricompense chieste e contribuendo alla realizzazione di un piccolo grande sogno. I brani sono tutti scritti da loro, con arrangiamenti vocali curati da Gabriele Bertozzi e arrangiamenti strumentali curati da Luca Di Chiara, Raffaele Montanari, Francesco Fagioli e Tommaso Sassatelli. Ma perché seguirle? Sono proprio così brave?
Beh, diciamo che hanno partecipato al programma televisivo “Tu si que Vales” su Canale 5 a “Hey Joe” in Piazza Maggiore a Bologna, fatto la “Sfilata sul Pentagramma” al Pistoia Blues e l’apertura del MEI 2015 al museo della ceramiche di Faenza. È nel 2016, però, che hanno avuto la vera svolta: il contratto con l’etichetta discografica indipendente PMS Studio. Dopo aver saputo tutte queste cose, mi è sorta spontanea una domanda per loro: se per loro la musica può cambiare davvero la vita di qualcuno? «Se ci si crede e si è disposti a donarsi a questa professione, riuscirà a cambiarti la vita in modi che non ci si aspetta. Fare ogni giorno quello che si ama, in tutte le sue sfaccettature, dai live all’insegnamento, dalle prove all’organizzazione di eventi musicali, dalla composizione alle registrazioni. È faticoso, non è mai facile, ma ci rende felici. Il potere della musica è di farti sentire meno la fatica. E anche per chi non la vive come un lavoro, crediamo che possa comunque raddrizzare una giornata storta o dare spessore a un momento importante».

Sara Sartoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa politica degli struzzi
Articolo successivoPartiti a Forlimpopoli i lavori di trasformazione a led di numerosi punti luce

La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all’esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti.
Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell’argomento, degli interessi o del destinatario dell’informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto.
Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l’individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l’ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia.
L’idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all’esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare.
Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all’albo).