Forlì orfana del carnevale. Duro attacco della Lega: “Una decisione assurda. Giunta senza scrupoli”

0

Il carnevale a Forlì non si fa. Così è deciso, l’udienza è tolta. “Sembrerebbe uno scherzo, di carnevale appunto, invece non lo è. Quest’anno la Giunta Drei guidata dal ‘lungimirante’ Ass.re alla partecipazione, Raoul Mosconi, ha deciso di sopprimere la ventiduesima edizione di ‘Piazza in festa’, privando migliaia di forlivesi dell’unico appuntamento identitario sopravvissuto alle catacombe di iniziative di questa Amministrazione”. Per i due candidati della Lega alla Camera dei Deputati, Jacopo Morrone e Andrea Cintorino (nella foto), “le giustificazioni avanzate dall’Ass.re Mosconi sono ridicole” e “gravi al tempo stesso”. Nell’imbarazzante difesa di Mosconi ci è finito di tutto: “comitati di quartiere, coordinatori di zona, Segavecchia, elezioni, maltempo e la domenica delle Palme. Mancava solo la crisi globale, la contrazione dell’indice Mibtel e il picco influenzale”.
La verità è che è mancata da parte di questa Giunta la volontà di organizzare forse l’unico evento in grado di catalizzare la partecipazione di bambini e adulti – affermano i due leghisti – così facendo si è assestato l’ennesimo colpo mortale al nostro centro storico e alle poche attività commerciali sopravvissute alla strage di negozi e locali del forlivese.” Vittime di questa “politica omicida del Sindaco Drei e del suo staff – conclude la giovane Cintorino – tutti i forlivesi, nessuno escluso; famiglie, giovani e meno giovani che invece di passare una divertente domenica in Piazza Saffi ne dovranno ricordare l’ennesimo manifesto funebre”.