fanzinoteca

Per la festa di San Valentino, nella sede del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, nel pomeriggio di mercoledì 14 febbraio con una apertura straordinaria si terrà, per il pubblico interessato, l’incontro didattico “Raccontiamo una storia d’amore … tra passione e fanzine” a cura dello Staff Centro Nazionale Studi Fanzine. La visita alla sede fanzinotecaria sarà per molti l’occasione di conoscere e scoprire i miti d’amore nel mondo delle auto-edizioni: dal rapporto che si instaura tra la passione e i fanzinari a quello che può nascere tra fanzinari e fanzinare. L’arte come l’amore è una rivelazione improvvisa ed una meravigliosa scoperta. In occasione della Festa degli innamorati il Centro Nazionale Studi Fanzine invita tutti gli interessati che troveranno un percorso espositivo dedicato e una dolce sorpresa, fanzine e baci perugina fino ad esaurimento.
San Valentino è un evento che permette alla sede fanzinotecaria di offrire a tutti i cittadini una proposta per stimolare la conoscenza e la riscoperta della nostra produzione editoria fanzinotecaria e, al contempo, valorizzarne la ricchezza che tutta la Nazione, e non solo, invidia e di cui i forlivesi, per primi, possono goderne. Non un semplice Valore Aggiunto ma, bensì, Ciò che fa la Differenza. Le fanzine esposte rappresentano una piccola parte, dato il limitato spazio disponibile, delle auto-edizioni allineate al concetto di amore/passione. Un pomeriggio di fanzine e passione che rappresenta, per antonomasia, un momento di trasporto e amore per ciò che si realizza, “San Valentino & Fanzine: niente è più dolce della passione”, un viaggio nella produzione fanzinara attraverso alcune testate dedicate al tema della passione amorosa, con fanzine di poesia, letteratura, musica, fumetto e, immancabile, l’amore intrinseco del fare la fanzine per esprimere la propria personale passione. Ricordiamo che San Valentino è una ricorrenza che cade il 14 febbraio di ogni anno, per ricordare la vita di Valentino, vescovo romano e martire cristiano, considerato all’unanimità il protettore degli innamorati.
Il Centro Nazionale Studi Fanzine, unico spazio nazionale per il recupero, la salvaguardia e la promozione fanzinara, da circa 10 anni è l’unico luogo di riferimento per fanzinari, autori, media e mondo intero dell’auto-edizione, oltre a studiosi e universitari interessati per la realizzazione della loro Tesi di Laurea. Grazie ad una attività innovativa, si caratterizza come l’unico luogo specifico in tutta la nazione dove si possono rintracciare documenti introvabili altrove. Il notevole incremento in termini di interessati, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero, nonché i tanti giovani che aderiscono ai vari progetti proposti, dimostrano con chiarezza la sempre maggiore attenzione per le realtà dell’editoria fanzinara. Proprio grazie al Centro Nazionale Studi Fanzine gli appassionati e i curiosi dell’auto-edizione hanno la possibilità di scoprire e conoscere la vastità dell’editoria fanzinara italiana, contenuti e contenitori, concetti e sconcerti comunicativi. Ricordiamo che la “Biblioteca delle fanzine” attualmente non ha più la possibilità delle due aperture pubbliche settimanali, nonostante questo è presente la disponibilità, previo accordo, per eventuali aperture su richiesta. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni è disponibile il sito www.fanzinoteca.it o la e-mail fanzinoteca@fanzineitaliane.it.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Circolo Schermistico Forlivese si conferma ancora al vertice della spada giovanile
Articolo successivoNasconde nel vano motore 100.000 €, denunciato
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.