Basket Mantova

Dopo la vittoria inebriante con la prima della classe, Forlì si rigetta a capofitto nella corsa verso la salvezza, obiettivo stagionale, contro Mantova.
La squadra Lombarda, che sopravanza in classifica la Valli Band di 6 punti, arriva da una sconfitta contro Udine ma viaggia comunque a vele spiegate verso la conquista di un posto nella post-season.
Davide Lamma, alla prima esperienza da capo allenatore, sta indiscutibilmente ottenendo grandissimi risultati facendo leva sulla solidità di alcuni veterani a sua disposizione e la voglia di emergere di alcune nuove scoperte a questo livello. Dopo la partenza di Gergati, Luca Vencato si è assunto ancora più responsabilità nella guida della squadra. Il play sta viaggiando a più di 5 assist per allacciata di scarpe conditi anche da una discreta vena realizzativa: il suo fatturato personale, infatti, è di quasi 7 punti a gara, buono il contributo del giocatore anche dal punto di vista difensivo.
Al suo fianco giocherà in posizione di guardia l’americano Jared Brownridge le cui statistiche non sono neanche il diavolo ma a Forlì non ha impressionato favorevolmente; forse l’aria dei ferri di casa e le tavole del Palabam lo faranno sentire maggiormente a proprio agio. Jared tira con il 44% da 2 punti e il 38 da 3 per 11 punti e spiccioli di fatturato medio in poco meno di 29 minuti di utilizzo.
La posizione di ala piccola del quintetto base sarà di competenza di Riccardo Moraschini che rientrava a disposizione del suo allenatore proprio poco prima della partita d’andata. L’ex Virtus Bologna non ha più saltato una gara ed è il terzo miglior realizzatore per statistiche della squadra della città di Virgilio; viaggia con 12,3 punti messi a referto a partita in poco più di 29 minuti; fu lui a spaventare abbondantemente Forlì nella match dell’Unieuro Arena.
Il ferro del padroni di casa sarà difeso da Francesco Candussi e Bobby Jones, il primo e il secondo realizzatore di Mantova. L’americano può comodamente ricoprire in questa categoria tutti i ruoli del pitturato e anche quello di ala piccola. il suo utilizzo medio in questa stagione è di 30 minuti e porta alla squadra mantovana quasi 15 punti a gara. Il colored raccoglie anche quasi 8 rimbalzi e consegna un cioccolatino e mezzo ai compagni, autentico catalizzatore del gioco Mantovano! Esiste un catalizzatore con maggior rendimento di Jones in questa squadra? La risposta è sì.
Il totem di Palmanova, al secolo Francesco Candussi, infatti è al centro del progetto tecnico di Lamma e ne sta ripagando la fiducia con prestazioni di livello e soprattutto con la costanza che ne rappresentava un difetto negli anni passati; viaggia con 15,3 punti a gara raccogliendo 7 rimbalzi e spiccioli ogni volta che si scende in campo, tira col 53% da 2 e un ragguardevole 37% dalla lunga distanza viste le dimensioni, unico difetto del suo gioco la non eccelsa affidabilità ai liberi dove si esibisce in un poco rassicurante 71%. Francesco mette anche a disposizione del suo allenatore e dei compagni le sue doti di intimidatore d’area.
Dalla panchina, con la partenza di Gergati, Lamma non può pescare grosse alternative al suo gioco; chiaramente i minutaggi e i rendimenti si sono alzati per tutti, soprattutto quelli dei giovani Matteo Ferrara e Valerio Cucci che insieme a Marco Timperi e Nicola Mei sono chiamati fare un ulteriore salto di qualità per sopperire alla partenza dell’ex capitano. Per Forlì domenica si presenterà un’occasione per dare continuità al risultato positivo ottenuto conto Trieste e per cercare di avvicinare ulteriormente l’obiettivo stagionale e poi chissà…

CONDIVIDI
Articolo precedente"La leggenda del papavero morto" e "La fine di una famiglia"
Articolo successivoBruno Molea eletto membro della Giunta nazionale del Comitato Paralimpico
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!