La pittrice Nanda Rago

Opera: “Indecisione” – 1984, olio su tela, cm 70 x 70 – Museo Civico Giandalia

0

Sembra di avere dinanzi una foto nel senso di un soggetto in posa con l’occhio fisso all’obbiettivo, in procinto, come suggerisce il titolo, di decidere se uscire alla luce o restare al buio in casa. Ma la ragione speculativa di questa entificazione composta da Nanda Maggi, in arte Nanda Rago, non deve trarre in inganno: essa è la documentazione fresca, intelligente, sincera, di un’esperienza umana incredibile: donne sigillate dal terrore nella clausura di una religione. Già a voler tracciare soltanto una rapida panoramica, corre l’obbligo di apprezzare l’onestà intellettuale che colpisce nel metodo dialettico, già che questo tiene conto di quella felicità – espressa col sorriso della figura e dall’orecchino d’oro – ch’è figlia di una rassegnazione atavica oramai dimenticata dalla mente. Il personaggio dunque è una vittima abituata e inconsapevole.

Con gioia si offre nell’opera un germoglio verde che spunta, nonostante tutto, dal terreno inaridito e calpestato dalla cattiveria umana. A narrarlo è la luminosità della ragazza, dipinta in contrasto col tronco e col muro elevati al rango di porta sacra per segnare il passaggio dal buio verso la luce.
La donna è agghindata per l’uscita, ma indecisa sulla soglia, coi suoi occhi velatamente tristi e intenti, piantati in mezzo al viso grassoccio. Essa è il personaggio di una nuova mitologia: il dubbio tra una nuova speranza e l’antica tradizione già stereotipata nello spirito.

La parte superiore del braccio sinistro, estremamente allungata, contribuisce a creare una sensazione di languida grazia. L’orecchio sinistro è oggettivamente troppo grande, a rivelarlo è l’orecchino, ma in questo modo crea un contrasto deciso emergendo dalla massa dei capelli scuri.
Figura e scorcio sono spogliati della loro consistenza e dal loro significato naturale nelle sagome per lasciare posto a una fase lirica cantata dal colore e danzata dallo spettro ottico dorato. Tenebra e luce sono le vere protagoniste del quadro di Nanda Rago. Tornano in mente le parole di Carl Gustav Jung: “Non si diventa illuminati immaginando scenari luminosi, ma portando alla luce le proprie oscurità interiori”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAperte le iscrizioni ai corso di cinema ai Campus di Forlì e Cesena
Articolo successivoOpen Day all'Istituto Professionale Ruffilli di Forlì
Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è un critico d'arte italiano. Cura, per conto di pittori e scultori, quotazioni ufficiali, critiche d’arte, pubblicazioni, libri, bibliografie, mostre in enti pubblici e privati, l’acquisizione di opere d’arte nel patrimonio artistico di Enti Pubblici, comunicazioni stampa. Crea interviste agli artisti con giornalisti anche televisivi, manifestazioni, intermediazioni culturali tra Enti Pubblici e Artisti. Ha fondato nel 2011 il Premio Arte Pentafoglio, onorificenza orientata ad insignire annualmente Capi di Stato e di Governo, vertici delle Istituzioni Civili e Militari, Artisti, Letterati e Scienziati di chiara fama, eccellenti operatori commerciali ed economici, alti prelati e comuni cittadini che, spesso nell’ombra, si sono impegnati nel volontariato in difesa dei diritti umani, della legalità e della pace, testimoniando così la continua elevazione dell’Umanità attraverso l’operosità e la cultura. La natura del Premio Arte Pentafoglio e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. È dotato dell'immagine del Myosotis, fiore a cinque petali conosciuto come “Non ti scordar di me”. Si fregia della Bandiera Italiana.