Indecisione-di-Nanda-Rago

Sembra di avere dinanzi una foto nel senso di un soggetto in posa con l’occhio fisso all’obbiettivo, in procinto, come suggerisce il titolo, di decidere se uscire alla luce o restare al buio in casa. Ma la ragione speculativa di questa entificazione composta da Nanda Maggi, in arte Nanda Rago, non deve trarre in inganno: essa è la documentazione fresca, intelligente, sincera, di un’esperienza umana incredibile: donne sigillate dal terrore nella clausura di una religione. Già a voler tracciare soltanto una rapida panoramica, corre l’obbligo di apprezzare l’onestà intellettuale che colpisce nel metodo dialettico, già che questo tiene conto di quella felicità – espressa col sorriso della figura e dall’orecchino d’oro – ch’è figlia di una rassegnazione atavica oramai dimenticata dalla mente. Il personaggio dunque è una vittima abituata e inconsapevole. Con gioia si offre nell’opera un germoglio verde che spunta, nonostante tutto, dal terreno inaridito e calpestato dalla cattiveria umana. A narrarlo è la luminosità della ragazza, dipinta in contrasto col tronco e col muro elevati al rango di porta sacra per segnare il passaggio dal buio verso la luce.
La donna è agghindata per l’uscita, ma indecisa sulla soglia, coi suoi occhi velatamente tristi e intenti, piantati in mezzo al viso grassoccio. Essa è il personaggio di una nuova mitologia: il dubbio tra una nuova speranza e l’antica tradizione già stereotipata nello spirito.
La parte superiore del braccio sinistro, estremamente allungata, contribuisce a creare una sensazione di languida grazia. L’orecchio sinistro è oggettivamente troppo grande, a rivelarlo è l’orecchino, ma in questo modo crea un contrasto deciso emergendo dalla massa dei capelli scuri.
Figura e scorcio sono spogliati della loro consistenza e dal loro significato naturale nelle sagome per lasciare posto a una fase lirica cantata dal colore e danzata dallo spettro ottico dorato. Tenebra e luce sono le vere protagoniste del quadro. Tornano in mente le parole di Carl Gustav Jung: “Non si diventa illuminati immaginando scenari luminosi, ma portando alla luce le proprie oscurità interiori”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAperte le iscrizioni ai corsi di cinema per gli studenti dei Campus di Forlì e Cesena
Articolo successivo"La legislazione, i diritti e i doveri. Dall’accoglienza alla integrazione"

Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è un critico d’arte italiano. Cura, per conto di pittori e scultori, quotazioni ufficiali, critiche d’arte, pubblicazioni, libri, bibliografie, mostre in enti pubblici e privati, l’acquisizione di opere d’arte nel patrimonio artistico di Enti Pubblici, comunicazioni stampa. Crea interviste agli artisti con giornalisti anche televisivi, manifestazioni, intermediazioni culturali tra Enti Pubblici e Artisti.
Ha fondato nel 2011 il Premio Arte Pentafoglio, onorificenza orientata ad insignire annualmente Capi di Stato e di Governo, vertici delle Istituzioni Civili e Militari, Artisti, Letterati e Scienziati di chiara fama, eccellenti operatori commerciali ed economici, alti prelati e comuni cittadini che, spesso nell’ombra, si sono impegnati nel volontariato in difesa dei diritti umani, della legalità e della pace, testimoniando così la continua elevazione dell’Umanità attraverso l’operosità e la cultura. La natura del Premio Arte Pentafoglio e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. È dotato dell’immagine del Myosotis, fiore a cinque petali conosciuto come “Non ti scordar di me”. Si fregia della Bandiera Italiana.