Paola Negosanti

Partendo dall’art. 25 della Dichiarazione Universale sui Diritti dell’Uomo questo diritto viene così descritto: “Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà”. In base a questo articolo vorrei raccontarvi l’esperienza da me vissuta martedì scorso. Sono andata a fare un radiografia di controllo alle anche ignara della sorpresa che avrei trovato lì… mi sono trovata di fronte ad un un lettino che a parer mio risulta “inaccessibile” a chiunque poiché la sua altezza è non regolabile in nessun modo. Io ho avuto la fortuna in quel momento di avere accanto una persona che mi aiutasse a salirci su e per questo motivo l’altezza è diventata superabile. Ma mi chiedo come possano affrontare questa situazione altre persone con condizioni fisiche e cliniche diverse e senza l’aiuto di nessuno che le aiuti: esso risulta davvero inaccessibile.
Arrivati a questo punto, sorge in me spontanea una riflessione: perchè un’attrezzatura medica che dovrebbe essere accessibile a tutti al di là delle condizioni fisiche non lo è? Questo è un punto di partenza per creare una vera accessibilità che dovrebbe nelle azioni di ognuno di noi! Supportati soprattutto dell’evoluzione tecnologica del 2017.

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Movimento Adulti Scout Italiano porterà in Comune la "Luce di Betlemme"
Articolo successivoPresepe vivente in piazza Saffi
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).