bullismo

Il progetto di sensibilizzazione contro il cyberbullismo realizzato da Unieuro in collaborazione con Polizia di Stato torna per una tappa straordinaria al Teatro Diego Fabbri di Forlì. Sarà il momento per fare il punto su questa campagna fortemente voluta dall’insegna con l’intento di informare, ma anche fornire gli strumenti per prevenire episodi di cyberbullismo, attraverso un’opera di responsabilizzazione in merito all’uso della “parola” e della tecnologia. In sala, oltre 700 ragazzi delle scuole superiori della città assisteranno alla proiezione del docufilm #cuoriconnessi, che racconta storie reali di alcune vittime di cyberbullismo, un fenomeno dilagante tra le nuove generazioni. L’autore del docufilm Luca Pagliari farà capire l’importanza delle parole in tutte le sue sfumature attraverso filmati e testimonianze dirette.
Ospite speciale della giornata in sala sarà il team della Pallacanestro Unieuro Forlì, per testimoniare la vicinanza della squadra al progetto di sensibilizzazione e ai valori di responsabilità sociale dell’azienda.
Si tratta di un fenomeno terribile – afferma Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro -. È inaccettabile che il web, utilizzato con superficialità, possa provocare traumi in ragazzi in un’età particolarmente sensibile. Ci siamo sentiti in dovere di sostenere una campagna che sensibilizza i giovani a un utilizzo responsabile dei dispositivi elettronici quali computer, smartphone e tablet e lo abbiamo raccontato in questi mesi a migliaia di studenti. Siamo felici di ritornare con la tappa di #cuoriconnessi nella nostra città proprio in occasione di questo periodo così importante per ogni famiglia”.
La campagna di sensibilizzazione di Unieuro, oltre al tour #cuoriconnessi, prevede una formazione specifica rivolta al personale sul punto vendita. Un’azienda è fatta innanzitutto di persone – dichiara Marco Titi direttore marketing di Unieuro – per questo anche i nostri 497 negozi sono stati coinvolti grazie a una campagna informativa rivolta ai nostri clienti. Il progetto rispecchia perfettamente il cuore pulsante, simbolo distintivo non solo del nostro logo ma anche dei valori della nostra azienda, primo fra tutti la vicinanza al cliente. Nei nostri punti vendita presenti in tutta Italia vendiamo quotidianamente quei device che fanno sempre più parte del quotidiano dei ragazzi e che possono “abilitare” i comportamenti di cyberbullismo che vogliamo contrastare: vogliamo coinvolgere più piazze possibile, sempre con il supporto prezioso della Polizia di Stato che ci sta affiancando in ogni passaggio”.