“Liberi di fare”, la vita indipendente di Ornella e Francesca

0

Che “le persone con disabilità abbiano la possibilità di scegliere, su base di uguaglianza con gli altri, il proprio luogo di residenza e dove e con chi vivere e non siano obbligate a vivere in una particolare sistemazione” è sancito dall’art 19 convezione Onu sui diritti delle persone con disabilità.
Questa frase contiene un concetto fondamentale che dovrebbe essere la base della vita di ognuno di noi, al di là della sua condizione fisica e psichica e dal luogo in cui vivono. Ma siamo sicuri che sia proprio così?! A quanto pare sembra proprio di no… Visto che ancora oggi è necessario scendere in campo per rivendicare questo diritto.
Francesca e Ornella sono due sorelle di Napoli con distrofia muscolare. Hanno creato una pagina Facebook “Liberi di fare” per dimostrare che le persone con disabilità possono avere una vita attiva: possono avere una famiglia, un lavoro, una vita sociale, possono fare sesso, viaggiare, avere degli amici. Ribadiscono un concetto che condivido pienamente che le barriere architettoniche sono difficili da abbattere. Le barriere architettoniche sono doppiamente difficili da abbattere! Non possiamo e non dobbiamo più aspettare. Penso che sia arrivato il momento che ognuno scenda in campo per dare il proprio contributo concreto in questa battaglia. È molto faticoso partecipare a questa improba sfida… ma ne vale veramente la pena. Per conoscere meglio Ornella e Francesca cliccate sull’immagine per vedere il video.

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteBilancio comunale. Lo Giudice (Ugl): “Drei ci ha discriminato. Protesteremo con l'Anci”
Articolo successivo"Gran Galà dell'Operetta" al teatro di Predappio
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).