Regali pacchetti di Natale

L’arrivo di dicembre segna, anche per chi è sempre in ritardo e non riesce mai ad organizzarsi per tempo, il momento di dedicarsi al giro di acquisti per i regali natalizi per amici, parenti e persone care; e tutti noi abbiamo, almeno una volta, provato l’esperienza di trovarci, a pochi giorni dalla riunione familiare di Natale, stretti da una folla di compratori dell’ultimo minuto all’interno di qualche grande centro commerciale, con una lista in una mano e un carrello scomodo e strapieno spinto dall’altra, a giurarci che non avremmo mai più aspettato così tanto per pensare ai regali di Natale.

Lo shopping online, per fortuna, ha cambiato moltissime cose, e questa situazione ne è un esempio perfetto:  ormai, anche a un paio di settimane dal giorno di Natale, basta un giro sui più grandi negozi virtuali di Internet per ordinare tutti i regali che possono servire, nella certezza di riceverli perfettamente in tempo per presentarci a parenti e amici senza alcun imbarazzo – e spesso risparmiando pure. Insomma, economico, comodo, e rapido: lo shopping in rete, natalizio o meno, è quindi perfetto?

A giudicare dal fatto che non è ancora assolutamente diffuso quanto ci si potrebbe aspettare, evidentemente no. E una startup tutta italiana – Iperprice – ha deciso, quest’anno, di domandarsi cosa manchi agli acquisti in rete per essere davvero privi di difetti, e di costruire la miglior soluzione possibile. L’analisi condotta dallo staff di Iperprice sul processo di acquisto online ha rivelato in effetti un dato quantomeno bizzarro: a quanto pare, sono proprio i punti di forza più grandi dello shopping in rete – la varietà dell’offerta e i prezzi bassi –  a generare i problemi che ancora bloccano tanti dal farne uso.

Ma come, si potrebbe domandare? La varietà, ad esempio, di per sé è un tratto molto positivo: su qualsiasi grande negozio online è possibile trovare letteralmente decine, se non di più, di prodotti diversi di ogni genere e tipo, con la comodità di non dover girare tanti negozi diversi. Ma per molti questa varietà, senza un’informazione a fare da guida e aiutare a distinguere e scegliere, si trasforma inesorabilmente in confusione, e in timore quindi di fare un acquisto sbagliato, soprattutto in settori dove non tutti sono ferrati come ad esempio la tecnologia; e questo porta all’abbandono della procedura d’acquisto e al ritorno ai negozi tradizionali. In questo ambito, la soluzione proposta da Iperprice è molto interessante: il loro sito è infatti un grandissimo database con decine di migliaia di articoli diversi, organizzati comodamente per categorie e sottocategorie merceologiche per facilitare la navigazione, e per ciascun prodotto è disponibile una scheda tecnica completa, esauriente e di facile interpretazione, che fornisce tutte le informazioni utili per valutare un acquisto.

Resta però da domandarsi come i prezzi bassi tipici degli acquisti online possano essere un problema per chiunque: e la risposta sta in un piccolo, infido meccanismo psicologico noto come “rimorso del compratore”. Anche qui è una sensazione che conosciamo tutti: quella che ci prende quando abbiamo appena fatto un acquisto e scopriamo che sarebbe bastato controllare le vetrine del negozio poco più avanti per pagare un prezzo minore per l’identico prodotto. Su internet, dove le “vetrine” virtuali sono decine di migliaia, non è mai possibile controllare tutto, e per molti il timore di acquistare a un prezzo meno che ideale diventa così paralizzante da far desistere del tutto. Forse è in questo, però, che la soluzione di Iperprice è più originale: ogni scheda prodotto, infatti, presenta un comodo bottone per comprare al prezzo migliore. Cliccandolo, si verrà immediatamente portati sul sito dove, secondo il database del sistema, quel prodotto è disponibile al prezzo più basso della rete. Niente timori, niente rimorsi, e nessun dubbio: solo tanta comodità. E davvero buone feste a tutti!