ansia e tristezza

Il Natale è ormai alle porte. Tuttavia, anche se per molti rappresenterà un momento di allegria e spensieratezza, per altri non lo sarà affatto. Si tratta di gente comune che sperimenta sulla propria pelle i cosiddetti effetti collaterali del Natale. Come riconoscerne i sintomi? Durante il periodo natalizio, sono in parecchi a sperimentare forti livelli di solitudine, depressione, ansia o malinconia; Insomma, per molti italiani il Natale e le feste sono uno stress e non un piacere. E’ questo quello che emerge da un sondaggio condotto da Eurodap, Associazione Europea disturbi da Attacchi di Panico, che ha intervistato 1100 persone tra 20 e 60 anni.

La causa di queste esperienze negative durante il periodo natalizio, risiede quasi sempre nelle nostre aspettative; si tratta di aspettative che vengono determinate in gran parte dalla società. In effetti, sin da piccoli, ci hanno trasmesso l’idea che in questo periodo tutto sia divertente e che il cenone della vigilia sia un momento di incontro con le persone che amiamo. È normale dunque che se qualcuno non sia in vena di festeggiamenti o non possa stare con la famiglia o gli amici, il Natale lo viva male.

Per fronteggiare nel migliore dei modi queste situazioni di ansia e tristezza vi possono essere alcune soluzioni semplici, come ad esempio cimentarsi in cucina e nella preparazione di addobbi e decori per la tavola può dare vita ad un momento di condivisione per la famiglia. Un altro rimedio potrebbe essere quello di regalarsi qualche ora di relax al cinema, magari scegliendo un film comico che sicuramente vi tirerà su il morale. Andare al cinema con la famiglia, ma anche con la propria dolce metà o gli amici è estremamente gradevole. Non è quindi poi un caso se, ogni anno, buona parte delle uscite più sfiziose e attese cade proprio in questo periodo. In questo caso per non sbagliare potrebbe essere utile consultare una guida cinematografica dove poter trovare film per tutti i gusti.

Se tuttavia che provate in questo periodo natalizio è in realtà lo specchio di un malessere che già da tempo sentite, la migliore soluzione prima di tutto rimane quella di rivolgersi ad un professionista che saprà consigliarvi su come affrontare al meglio non solo il Natale, ma la vita nelle sue difficoltà; a tal proposito vi suggeriamo alcuni professionisti a cui potete rivolgervi in Emilia Romagna come la psicoterapeuta Rosalba Aiazzi e la psicologa Michela GranatiIl modo migliore per evitare gli “effetti collaterali del Natale”, è quello di regolare le aspettative e agire di conseguenza tenete sempre a mente che il vostro concetto del Natale non deve corrispondere necessariamente all’immagine veicolata dai mass media.