La città di Forlì ha più storia di quanto si possa immaginare, e un pezzo importante di questa è il famoso “Cinema Apollo” sito in via Mentana 8 nei pressi di Piazza Saffi. Venne istituito con il nome di “Kursaal centrale” non fungendo solamente da cinematografo ma anche da sala da ballo. Intorno agli inizi della Prima Guerra Mondiale, per motivi meramente nazionalistici, il nome mutò in “Apollo”. Per oltre 50 anni ha appagato la voglia di cinema della realtà forlivese. Nel 2012 però vi fu la sospensione delle proiezioni ed il cinema venne utilizzato per eventi singoli e sporadici. In seguito alla chiusura del 30 marzo di quest’anno, il cinema Apollo ha perso la sua destinazione d’uso di luogo di spettacolo.
Adesso è arrivato il momento di prendere una decisione: martedì 5 dicembre, in seguito alla riunione del Consiglio Comunale, è stata firmata la mozione di mantenere invariata la struttura, ma la proprietà potrebbe ora trasformarlo addirittura in centro commerciale o residenziale.
Per questo motivo vi è la necessità di attivare una progettazione condivisa con i cittadini, per far sì che questo pezzo di storia non venga dimenticato. Dopo le numerose proposte, anche noi di Redazione vogliamo dire la nostra: il cinema Apollo potrebbe diventare un punto d’incontro in cui ogni persona possa tirar fuori il meglio di sé nell’ambito artistico in cui si sente più portato.
Facciamo in modo che la nostra città diventi parte di noi. Facciamo sentire la nostra voce!

Paola Negosanti e Sara Sartoni

CONDIVIDI
Articolo precedenteForlì Città dello Sport 2018, ritirato a Bruxelles il riconoscimento “Aces Europe”
Articolo successivoI Verdi: "Apollo addio, un pastrocchio incomprensibile"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).