rotatoria rotonda via bertini

«Il Comune di Forlì aveva ieri all’ordine del giorno del Consiglio l’adozione di una variante al POC (l’ennesima!) relativa ad un nuovo insediamento residenziale e commerciale “adu8” ubicato in Forli tra via Roma, Cesarini Sforza, Verzocchi e Camporesi in corrispondenza con le intersezioni delle vie Cerchia e Monari con viale Roma è prevista una rotonda mal progettata che abbatte una ventina di alberi. La capacità edificatoria a destinazione terziaria–commerciale viene aumentata di mq.665, per ampliare l’edificio commerciale fino a mq 2165.
Il PUA prevede la monetizzazione di mq 2485 di standard richiesti per la zona residenziale di cui mq 202 aggiunti con la variante e la monetizzazione di mq 4007 di standard per la superficie terziaria, di cui ulteriori mq 1700 sempre aggiunti dalla variante.
Gli oneri di gestione dell’impianto per lo smaltimento delle acque per l’invarianza idraulica, verranno pagati dalla società immobiliare solo per 5 anni, dopo di che per l’eternità saranno a carico del bilancio comunale dato che questi impianti privati sono posizionati in area pubblica. La distanza dei fabbricati dal confine stradale già ridotta a 5 metri viene graziosamente ulteriormente ridotta a 3 metri, per favorire l’insediamento commerciale che ha necessità di superficie a piano terra.
La maggior parte della monetizzare degli standard, 210.000 euro, è stata destinata alla realizzazione di opere, la rotonda fra le vie Cerchia–Monari e Roma, definite fuori del comparto urbanistico, in realtà principalmente al servizio del medesimo nuovo insediamento commerciale facendo gravare il nuovo insediamento residenziale e commerciale e il traffico da esso generato sulla viabilità esistente e in particolare su viale Roma, tratto urbano della via Emilia, sovraccarico di veicoli.
Anziché rivedere il progetto nato nel 2005 alla luce dei nuovi dati sul traffico della zona, senza effettuare alcuna analisi dei nuovi flussi e della capacità delle nuove infrastrutture tangenziale e asse di arroccamento e dei nuovi innesti su viale Spazzoli e via B. Bernardi che servono ora questo quadrante della città, anziché cercare di snellire il traffico liberando le zone centrali dall’attraversamento, l’Amministrazione ha preteso di realizzare una rotonda così come serve al centro commerciale e non alla città. Il consigliere Bertaccini ha chiesto il rinvio della delibera portata in Consiglio in gran fretta per potere approfondire alcuni aspetti tecnici della questione ma il Pd, con qualche soccorso, ha chiuso ogni possibilità di discussione facendo valere al solito i numeri.
Questo è il modo di intendere le alleanze di questo Sindaco e del suo assessore a Conad & Co, questo è il modo in cui si discute in maggioranza, chiudendo in fretta ogni spazio di dibattito dopo una sola veloce presentazione in commissione.
Una alleanza consente a tutti i contraenti di dare il proprio contributo costruttivo ma ciò non è mai possibile, il Sindaco ritiene che le coalizioni debbano essere un monocolore PD.
Ciò impone una riflessione urgente: centro storico con il trasferimento mercato, la conservazione della barcaccia, il parcheggio del campus, il Poc commerciale, le costanti varianti urbanistiche, solo per citare alcuni dei temi che ci vedono distanti da un partito votato alla autosufficienza e non ultime le vicende giudiziarie dei massimi vertici di una struttura amministrativa di diretta collaborazione col Sindaco e dal lui scelta personalmente che fa acqua da tutte le parti, non possono restare senza una risposta definitiva che faccia chiarezza».

Federazione dei Verdi di Forlì-Cesena