XL Extralight Poderosa Montegranaro – Unieuro Forlì: 77-62

In trasferta non si può giocare 8 minuti su 40 e pensare di portare a casa il risultato. Questa è la lezione che Forlì impara a sue spese sul campo di Montegranaro.
Valli e i suoi entrano in campo a Porto San Giorgio senza un apparente piano partita se non quello di dare la palla ai lunghi dopo un pick and roll centrale giocato dal regista israeliano di Forlì; problema non secondario Forlì è priva del suo totem principale per infortunio e i sostituti non riescono a tenere la palla in mano sbagliando anche il più facile appoggio da sotto. La scarsa vena di Jackson e le 8 palle perse del primo quarto portano Montegranaro in vantaggio di 14 punti alla prima sirena (24-10). A complicare il tutto anche la situazione falli di Forlì. Valli è così costretto ad ampliare di molto le sue rotazioni.
Nel secondo quarto Forlì continua a sbagliare Montegranaro però non ne approfitta troppo e chiude il primo tempo ‘solo’ sul +17 (37-20). Le percentuali di Forlì sono bassissime (13/39 da due alla fine) e la partita sembra già chiusa con largo anticipo.
La seconda frazione si apre però con un sussulto di orgoglio ospite che porta i biancorossi fino a -2 (43-41), però è solo un fuoco di paglia. Montegranaro, che si spaventa e alza il volume della radio in difesa, chiude il quarto in vantaggio di 5 punti (53-48).
Protagonisti del parziale forlivese sono Naimy, tre su tre da fuori per lui, e la difesa romagnola che sembra tornare arcigna.
Il quarto finale torna ad essere una lenta agonia per gli ospiti che subiscono un parziale di 9 a 0 (protagonisti il play Maspero, che non rifiuta i tiri, e la guardia Gueye), che decide la sfida prima di trovare un canestro con Bonaccini. Forlì esce con le ossa rotte dalla trasferta di Porto San Giorgio, la squadra sembra aver perso convinzione nelle cose che sa fare e fiducia nelle gerarchie interne che si è data ad inizio stagione. I giocatori rifiutano tiri aperti per passare la palla al compagno e questo non è sempre sintomo di gioco corale e positivo; insomma non il modo migliore per preparare le prossime partite interne di campionato. Speriamo che il Pala Unieuro possa ridare fiducia alla squadra. Per quanto riguarda il rientro di Diliegro la società punta molto sul match di Ferrara.

XL Extralight Montegranaro: Powell 20 (8/15, 0/1), Maspero 16 (2/3, 4/5), Amoroso 15 (4/7, 1/2), Corbett 11 (5/6, 0/6), Gueye 11 (1/1, 2/2), Rivali 2 (1/1), Zucca 2, Campogrande (0/2, 0/4), Treier (0/1 da tre), Angellotti (0/1 da tre), Urso). All. Ceccarelli.
Tiri da due: 21/35 (60%). Tiri da tre: 7/22 (32%). Tiri liberi: 14/19 – Rimbalzi: 37 (4+33) – Assist: 17.
Unieuro Forlì: Bonacini 12 (5/8, 0/1), Jackson 11 (0/1, 3/6), Naimy 11 (0/5, 3/7), De Laurentiis 9 (3/6), Severini 7 (1/3, 1/2), Fallucca 5 (1/5, 1/3), Castelli 4 (2/7, 0/2), Thiam 3 (1/4), Gallera, Campori. All. Valli.
Tiri da due: 13/39 (33%). Tiri da tre: 8/21 (38%). Tiri liberi: 12/18 – Rimbalzi: 32 (7+25) – Assist: 13.
Parziali: 24-10; 13-10; 16-28; 24-14.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOfficina ecclesiale: dalle parole ai fatti
Articolo successivoAl San Luigi "Les amoureux des bancs publics"
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!