Confindustria

Economia circolare al centro del ciclo di incontri “La strada del Cambiamento verso l’Innovazione”, organizzato dal Comitato Innovazione di Confindustria Forlì-Cesena, che nasce per promuovere la condivisione di un proficuo scambio di conoscenze e la messa in comune di percorsi e strumenti che supportino la cultura d’impresa. Protagonista dell’appuntamento Maria Silvia Pazzi, Ceo di Regenesi Srl, la prima azienda nel settore design e fashion ad investire al 100% sul concetto di sostenibilità, che davanti a una platea di numerosi imprenditori, ha parlato di eco-innovazione, economia circolare e delle nuove frontiere del marketing (sempre più etico e sostenibile).

L’imprenditrice romagnola Maria Silvia Pazzi, esempio di designer innovativa, ha raccontato la storia della sua azienda e di come ha gestito, implementato e coniugato il cambiamento all’interno di Regenesi, azienda bolognese che trasforma rifiuti in “bellezza”.
L’azienda bolognese è conosciuta oggi come una importante realtà di Made in Italy che ha fatto della sostenibilità e dell’etica la propria mission e che è da sempre impegnata sul tema dell’economia circolare. Esempio di organizzazione a rete, modello ancora ben poco diffuso in Italia, luogo di incontro virtuale, virtuoso e concreto ma anche ambiente creativo ed innovativo che si propone di valorizzare il patrimonio umano e ambientale.

Oggi l’adozione di un modello di economia circolare per le imprese diventa sempre di più una priorità strategica dettata dal mercato, oltre che dall’ambiente. Pertanto è importante per costruire un futuro durevole e proficuo, adottare un modello di economia green e sostenibile, incentivando la riduzione degli scarti e consumando meno materie prime. Fare economia circolare è una strategia vincente, una priorità strategiche dell’Unione Europea e un’opportunità di crescita e sviluppo in termini di competitività e innovazione.
Durante l’incontro l’imprenditrice ha illustrato qual è stato l’importante supporto ottenuto dalla collaborazione con i Dipartimenti Universitari, i vantaggi economici ottenuti nel partecipare a progetti in Co-branding svolti all’insegna dell’Innovazione eco-sostenibile come per il caso Dainese, azienda leader nell’abbigliamento per il motociclismo, e Lamborghini, azienda italiana produttrice di automobili di lusso, evidenziando come l’economia circolare passa anche attraverso la collaborazione e la partnership.