Annalena Tonelli

Per l’undicesima volta consecutiva il Lions Club Forlì Host ha proposto alle scuole forlivesi di partecipare al concorso “Un poster per la pace“, che a livello internazionale è giunto alla trentesima edizione. La proposta di coinvolgere per la prima volta nel concorso gli studenti forlivesi nacque dalla sensibilità di Francesco Giuliari, il quale considerò, come artista e socio del club, che il tema potesse arricchire il percorso di studi dei giovani. Le premiazioni si svolgeranno sabato 11 novembre, alle ore 10,00, nel Salone Comunale, piazza Saffi 8 a Forlì. Saranno premiati gli elaborati che risulteranno primi, secondi e terzi di ogni scuola partecipante. L’iniziativa affronta un tema impegnativo e delicato, quel grande dono, la pace, appunto, che specie in questa epoca in molte parti del mondo l’umanità sembra voler rifiutare, al tempo stesso, però, nonostante la contraddizione che connota questo periodo storico non si può non individuare l’emergere forte e convinto di tante iniziative per la pace, di cui si fa portatore autorevole, ad esempio, Papa Francesco.
L’adesione delle scuole secondarie di primo grado dei sette istituti comprensivi è stata notevole anche perché il Lions Host ha deciso di istituire un premio speciale dedicato a Annalena Tonelli. Lo ha fatto dopo aver aderito al progetto “Annalena, una donna libera”, promosso dal Comitato per la Lotta contro la fame nel mondo e dal Comune di Forlì, in collaborazione con numerose associazioni cittadine, per riaffermare i valori più significativi e universali che la missionaria laica forlivese ha dimostrato con il suo impegno nei confronti dei più bisognosi e che si possono riassumere in una frase che Annalena ha ribadito più volte a tutti i livelli: “Io sono sicuramente vocata per vocazione alla Povertà in tutti i sensi”. Giova ricordare che il Club ha sempre prestato attenzione all’attività di Annalena ed ebbe modo di aiutarla in diverse occasioni, anche con inziative pubbliche come il concerto promosso per raccogliere fondi a favore delle sue attività. Il concerto si tenne in Duomo il 29 gennaio 1993 e vide la presenza dell’Orchestra Toscanini diretta da Rudolph Bersahai. Il Club l’ha anche ricordata, dopo il suo barbaro assassinio avvenuto il 5 ottobre di 14 anni fa, in un affollato meeting svoltosi il 27 settembre 2007, durante il quale Maria Teresa Battistini, volontaria del Comitato per la Lotta contro la fame nel mondo, ne ricordò la figura e le tante occasioni in cui operarono insieme.
Quello che vogliamo evidenziare del concorso “Un poster per la pace” – dichiarano Gabriele Zelli e Claudio Sirri, rispettivamente il presidente del Lions Club Forlì Host e il referente del concorso – è la partecipazione di tantissimi studenti che con i loro elaborati, tutti meritevoli di menzione e di plauso, raccontano la loro voglia di pace, di fratellanza, di amicizia tra i popoli, di autentica solidarietà tra donne e uomini che vivono sullo stesso pianeta, sempre più a contatto in una società globalizzata. Lo hanno fatto anche con capacità artistiche di non poco conto. I colori vivaci utilizzati dalle ragazze e dai ragazzi appartenenti a diverse nazionalità che frequentano le nostre scuole, diversi tra loro per provenienza eppure così uguali, hanno rappresentato, tramite l’arte, un anelito insopprimibile presente nel cuore di ogni persona, al di là delle specifiche identità culturali, cioè il desiderio di pace“.
Gli elaborati saranno esposti nella Sala espositiva del Chiostro di San Mercuriale sabato 11 e domenica 12 novembre secondo i seguenti orari: 10,30-12,30 e 16,00-18,30, lunedì 13: 16,00-18,30. Ingresso libero. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMaria Pia Timo in "Doppio brodo show"
Articolo successivoLa crescita infelice
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).