I Faraoni sbarcano a Palermo

0
Letture: 4535

Nella prestigiosa sede dell’Archivio Storico comunale sarà presentata tra qualche giorno l’opera di Francesco Santocono “Il loto e il papiro”, dramma in tre atti di Francesco Santocono ambientato nell’Egitto dei Faraoni e pubblicato da “Algra” con la prefazione di Zahi Hawass. Dopo aver illustrato la propria opera in giro per l’Italia e in Egitto, puntualmente accompagnato dal noto archeologo ed ex ministro del Governo Mubarak, il giornalista siciliano replica a Palermo in uno dei luoghi simbolo della città, l’Archivio storico comunale di via Maqueda. L’appuntamento è fissato per le 16,30 di mercoledì 29 novembre, alla presenza delle autorità locali, con l’introduzione e le letture dell’attore Giancarlo Zanetti.
L’evento è organizzato dall’Associazione FuturLab in collaborazione con l’Archivio Storico comunale di Palermo che ha gentilmente concesso l’utilizzo della sala Damiani Almeyda.
“Il loto e il papiro” racconta, attraverso una prosa ricercata, la guerra di liberazione iniziata dal Faraone Sequenenra e dalla regina Ahhotep contro gli invasori Hyksos, un popolo di origine asiatica che, durante la XVII dinastia aveva occupato i territori del delta del Nilo. “Non si hanno tracce nella storia di un lavoro letterario di questo genere – ha dichiarato il Zahi Hawass durante la presentazione del testo al Cairo – tanto che possiamo tranquillamente parlare del primo dramma egizio mai scritto sino ad oggi. Ho voluto essere vicino a Santocono in ogni appuntamento per far conoscere il suo libro e per dare un segnale preciso sulla necessità di rafforzare i rapporti culturali con l’Italia, un Paese che ci è stato sempre vicino e con cui vogliamo continuare a collaborare proficuamente”.
Peraltro, la presentazione dell’opera avvenuta in Egitto può essere considerata l’anticamera della messa in scena, prevista per l’estate prossima, ma che dovrebbe prevedere come anteprima proprio la straordinaria scenografia della Sfinge e delle Piramidi.
Stiamo lavorando – ha aggiunto l’egittologo – affinché la prima rappresentazione si svolga a Giza, il palcoscenico naturale per un’opera che parla di un momento fondamentale della storia egizia”. Appuntamento dunque in primavera.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIdee per il centro storico
Articolo successivoEstemporanea di disegno per esercitare la capacità di visione per bambini
Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è un critico d'arte italiano. Cura, per conto di pittori e scultori, quotazioni ufficiali, critiche d’arte, pubblicazioni, libri, bibliografie, mostre in enti pubblici e privati, l’acquisizione di opere d’arte nel patrimonio artistico di Enti Pubblici, comunicazioni stampa. Crea interviste agli artisti con giornalisti anche televisivi, manifestazioni, intermediazioni culturali tra Enti Pubblici e Artisti. Ha fondato nel 2011 il Premio Arte Pentafoglio, onorificenza orientata ad insignire annualmente Capi di Stato e di Governo, vertici delle Istituzioni Civili e Militari, Artisti, Letterati e Scienziati di chiara fama, eccellenti operatori commerciali ed economici, alti prelati e comuni cittadini che, spesso nell’ombra, si sono impegnati nel volontariato in difesa dei diritti umani, della legalità e della pace, testimoniando così la continua elevazione dell’Umanità attraverso l’operosità e la cultura. La natura del Premio Arte Pentafoglio e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. È dotato dell'immagine del Myosotis, fiore a cinque petali conosciuto come “Non ti scordar di me”. Si fregia della Bandiera Italiana.