Torna in campo domenica alle ore 18,00 la Pallacanestro Forlì 2.015 e lo fa di nuovo all’Unieuro Arena: 7 giorni dopo la convincente vittoria sull’OraSì Ravenna – quarto successo su quattro gare casalinghe – i biancorossi trovano sulla strada un altro derby, stavolta contro il Kleb Ferrara di coach Alberto Martelossi. Esame di maturità per Castelli e compagni che ancora senza il centro titolare Dane DiLiegro dovranno limitare lo strapotere sotto canestro del miglior rimbalzista del campionato, l’americano ex Biella Mike Hall, e in generale le qualità di una squadra esperta e costruita per i playoff.

Coach Valli. “Siamo felici ma anche razionali, abbiamo giocato solo 7 partite e non siamo neanche a un quarto del cammino – smorza gli entusiasmi l’allenatore biancorosso -. Occorre umiltà. DiLiegro sta guarendo però la tabella di marcia è difficile da determinare adesso: me lo aspetto, se tutto va come deve andare, tra un paio di settimane. Ferrara è forse la squadra più atletica del campionato, con un quintetto over 30 e il miglior rimbalzista del campionato. È un gruppo estremamente temibile, che corre e tira molto bene, guidato da un allenatore che stimo molto. La classifica nel loro caso è bugiarda anche perché finora è mancato Rush: all’Unieuro Arena ci aspettiamo una Ferrara al completo“.

Menzione speciale da Giovanni Severini, che individua in Riccardo Cortese il pericolo pubblico numero uno: “È fortissimo, Ferrara è una piazza importante ma sono convinto che sia un giocatore da serie A. Dovremo marcarlo da squadra“.

Ha parlato anche il coach del Kleb Ferrara Alberto Martelossi, riconoscendo in Forlì un avversario davvero impegnativo: “Affronteremo una compagine che ha fiducia e consistenza, allo stesso tempo si capisce come una situazione del genere si costruisce in poco tempo sulle piccole cose: Forlì ha fatto gare non buone, come a Porto San Giorgio contro Montegranaro, da ciò è nata una consistenza di alto livello. Altro aspetto: loro sono la miglior difesa del campionato, di per sé questo è un ostacolo molto molto alto per quelle che sono le nostre potenzialità in questo momento. Per noi sarebbe fondamentale fare pure fuori casa una prestazione solida”.

Notizie dall’infermeria. Erik Rush (caviglia destra distorta) gradualmente ha ripreso a lavorare in gruppo. Le sue condizioni, come del resto la sua presenza a Forlì, saranno valutate dallo staff medico-sanitario biancazzurro di ora in ora. Capitan Riccardo Cortese è stato fermo ai box a causa di guai di carattere muscolare. Anche per lui condizioni da verificare nel pre match. Procede il recupero di Dane DiLiegro. La risonanza magnetica effettuata giovedì pomeriggio ha confermato i miglioramenti: il centro italo-statunitense, infortunatosi al tendine d’Achille lo scorso 22 ottobre a Treviso, ha ricominciato il programma di riatletizzazione. Il giocatore sta svolgendo da due giorni allenamenti differenziati.

Biglietteria dell’Unieuro Arena aperta dalle ore 16,30, arbitrano Weidmann, Ferretti, Gonella. Diretta su LNP TV Pass: http://bit.ly/2zJWtjo, aggiornamenti sulle pagine Facebook e Instagram della società. Repliche in differita su TeleRomagna.

Riccardo Fantini


 

I Tigers in trasferta a Rimini.


Non ci sono opzioni. L’unico risultato conseguibile al Flaminio è la vittoria. Le ultime due sconfitte hanno infatti posizionato i Tigers a metà classifica, a quota 8, insieme a Padova e Faenza e appena due punti sopra Rimini e Lugo, prossime avversarie degli arancioneri.
Ci sono però sconfitte e sconfitte. Quelle inattese, vedi il match casalingo contro Olginate, e quelle che profumano di miracolo sfiorato, vedi il sussulto che i Tigers hanno fatto provare a Cento domenica scorsa. Proprio da quest’ultima le tigri di coach Di Lorenzo dovranno trarre forza e convinzione per affrontare i Crabs di coach Maghelli reduci dalla inattesa sconfitta sul campo di Palermo.
Il cammino fin qui disputato dai biancorossi, a parte il “Bonus Lecco” che ha permesso ai Crabs di battere 91-35 la formazione Under lombarda, ha visto Rimini superare d’un soffio Padova 69-66 e Alto Sebino 77-72. Pesante invece la sconfitta 59-91 contro Faenza ed infine inatteso il 66-78 patito in Sicilia domenica scorsa.
Le due squadre hanno avuto modo di sfidarsi in precampionato e già si conoscono anche se Forlì giocherà con un Antonaci in più ed un Villani in meno causa infortunio. Rimini potrà invece contare sull’apporto fondamentale del suo giocatore più esperto ovvero Francesco Foiera. Lui e l’ex di turno Joel Myers sono fra gli uomini più produttivi dell’attacco rivierasco. Myers, con 12 punti di media a partita è addirittura il miglior realizzatore mentre Foiera si attesta sui 9 punti di media. Forlì dovrà soprattutto fare attenzione alla marcatura sui lunghi avversari evitando di caricarsi di falli sotto canestro, mentre in attacco le penetrazioni di Battisti e Carpanzano potrebbero creare diversi problemi agli avversari.

Si gioca al Flaminio di Rimini domenica 19 novembre alle ore 18,00. Arbitrano Bartolini di Fano (PU) e Bertuccioli di Pesaro. A fine partite squadre e dirigenti si recheranno al Bagno Battigia 46 – Lungomare Murri 22 a Rimini, per dare vita ad un “Terzo Tempo” d’eccezione insieme al Rimini Calcio.

Massimo Framboas