Halloween

Al calar della sera di martedì 31 ottobre, quando la luce lascia il posto all’oscurità, strane atmosfere e insolite creature popoleranno le vie del paese di Dovadola. Una “Festa da paura” accoglierà grandi e piccini e con ‘Angeli’ e ‘Demoni’ che traghetterà i partecipanti verso la festa di Ognissanti.
L’anno scorso, così per ridere, tra un bicchier di vino ed un caffé, nacque l’idea di fare qualcosa per i bambini che nella serata del 31 ottobre scimmiottano l’Halloween americano – racconta Giuliana Casamenti. – Non essendo tradizionalmente una nostra festa si finiva che il giretto dolcetto/scherzetto fosse un po’ triste. In poche persone ci impegnammo a creare situazioni da “Paura”, e non solo, per rendere la serata un po’ più vivace. Con soddisfazione il risultato è stato un grande successo”.
Dopo una prima edizione così partecipata – continua – le repliche sono d’obbligo. Quest’anno con la collaborazione di tutte le associazioni dovadolesi e il contributo economico da parte di Pro-Loco, Avis e Circolo Azzurro l’offerta sarà strepitosa, ricca e variegata. Ci saranno ben due postazioni con animatrici qualificate che intratterranno i bambini con storie e truccapaura, bolle giganti itineranti per incantare e un gran finale di danza aerea per farci sognare“.
I luoghi del paese, abituali e ordinari, si vestiranno di scenografie spettrali abilmente realizzate per fare spazio all’Antro delle Streghe, il Viale delle Anime smarrite, Piazza delle Illusioni, il Cimitero delle Fontane, il Cimitero Dimenticato, la Via degli Angeli e Demoni, la Buca della Tarantola ed infine la Murata dei Fantasmi sulla quale sovrasterà il grande fantasma della nostra “Roccaccia”.
So che c’è chi ritiene che questa festa sia sprezzante – conclude Giuliana Casamenti – ma facendo una ricerca, ho trovato che in un nostro passato già si usava lasciare dolcetti sul davanzale delle finestre per le anime che in quella notte sarebbero passate. A parte questa digressione, invito tutti a partecipare e poi… e poi raccontate ai vostri bambini che i morti sono Angeli… e il giorno dopo, Festa di tutti i Santi, andremo tutti a far visita ai nostri cari che ci hanno lasciato, ma restano nel nostro cuore“.
Giuliana Casamenti non è sola in questo progetto; insieme a lei ci sono Monia Guidi e Manuela Mercuriali che insieme sono le vere tre ideatrici e le menti creative di tutto questo. Già lo scorso mese di luglio sono state le promotrici della “Cena in bianco al profumo di lavanda” che si è svolta sempre a Dovadola.