Basket Mantova

Una partita per confermare quanto di buono fatto vedere in questo avvio di stagione quella che attende la compagine biancorossa tra le mura amiche. La Dinamica Generale Mantova una squadra temibile che scenderà in Romagna per continuare a stupire.
Davide Lamma alla prima esperienza da capo allenatore troverà un ambiente ostile nei suoi confronti che sicuramente non dimenticherà il suo passato da bandiera Fortitudo metterà in campo una squadra garibaldina che proverà in tutti i modi a prolungare la sua striscia positiva pur dovendo fare a meno di Riccardo Moraschini ancora indisponibile che in futuro rappresenterà sicuramente un tassello importante del quintetto base nello sport di ala piccola. In cabina di regia l’ex playmaker della Fortitudo si affiderà a Luca Vencato confermatissimo dalla passata stagione. Il regista, classe ’95, cresciuto a Casalpusterlengo è in grado far giocare bene i compagni soprattutto nell’attacco a metà campo mentre difetta un po’ nel gioco in velocità. Nella prima stagione con la Dinamica Generale i suoi numeri recitano quanto segue: 3.9 punti, 2.7 rimbalzi, 1.9 assist e 1.0 recuperi in 18.00 minuti di media.
Al fianco giocherà la guardia statunitense Brownridge Jared che può ricoprire anche il ruolo di play; arriva da Santa Clara University, College situato in California e facente parte della Wcc (West Coast Conference) della Ncaa. Uno “scorer” vero, con grandissimo feeling per il canestro, da lontano, in uscita dai blocchi e anche in avvicinamento. In ala piccola, stante l’assenza di Moraschini, si accomoderà Marco Timperi tra i protagonisti del Pescara che ha sfiorato la promozione in A2. Nella stagione regolare 30 gare disputate con 8.7 punti, 4.1 rimbalzi e 0.9 assist di media in 27.41 minuti sul parquet. Nei playoff, terminati con la sconfitta in finale 3-2 contro Montegranaro, Timperi chiude con 9.2 punti, 5.7 rimbalzi e 1.3 assist in 32.37 minuti.
Il ferro ospite sarà difeso da una vecchia conoscenza del basket forlivese quel Bobby Jones che ai tempi di Vucinic infiammava le folle dando l’anima per la squadra e contribuendo a salvarla anche lasciando il sangue sul parquet; è proprio con quel sangue che l’anno scorso Bobby ha letteralmente irrorato le tavole del palafiera con la maglia di Piacenza. L’ex Virtus Roma è un crack per la categoria ma il suo talento non va sempre di pari passo con la voglia di mettersi a disposizione della squadra; resta comunque un pericolo costante per le difese avversarie.
La front-line del quintetto base della Dinamica Generale Mantova è completata da Francesco Candussi, ormai un habituè della serie A2, mette a disposizione del proprio allenatore quanto Madre Natura gli ha concesso. In questa annata sembra aver trovato buona continuità di prestazioni anche in attacco: mani discretamente educate non disdegna di sporcarsi la canotta anche in difesa anche se patisce i lunghi con piedi veloci e di trovare ogni tanto il feeling col canestro anche dalla lunga distanza. La panchina di coach Lamma si completa con i giovani Valerio Cucci che cresce nel settore giovanile della Stella Azzurra Roma; nel 2015/16 il salto in A2 con la canotta della Mens Sana Siena dove in 18.3 minuti sul parquet segna 5.3 punti e cattura 3.6 rimbalzi. Nella stagione appena conclusa ha chiuso la stagione regolare in seconda posizione del girone Ovest di A2 con Tortona, Matteo Ferrara, prodotto del settore giovanile della Virtus Padova; Matteo è guardia atipica che può anche ricoprire il ruolo di play (come accaduto nella passata stagione) e di ala. Nella stagione appena conclusa riesce a mettersi in luce sempre in Serie B con Padova, i minuti in campo sono 19.2, 3.6 i punti segnati, 2.9 i rimbalzi e 1.0 gli assist nelle 30 gare giocate. La buona stagione appena conclusa gli è valsa la chiamata in Nazionale Under 20, sia in due raduni durante la stagione che nel raduno estivo pre-Europeo.
In panchina anche l’esperto Lorenzo Gergati un vecchio marpione del parquet che gli appassionati forlivesi hanno imparato a conoscere con la maglia di Lumezzane in Dna e successivamente con quella di Brescia in lega 2. Lorenzo è giocatore che predilige i ritmi alti e che quindi è perfettamente complementare a Vencato; quando la sua squadra e la partita lo richiedono l’ex Torino trova anche punti importanti e risponde presente sempre alle richieste del suo allenatore.
La partita di domenica con la Dinamica Generale Mantova non sarà facile per Forlì ma i ragazzi di coach Valli hanno tutte le possibilità di confermare quanto di buono hanno fatto intravedere sino a questo momento.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Ruota Panoramica arriva a Forlì
Articolo successivoRetromarcia sui gettoni, M5S: “La politica forlivese ha mostrato la sua vera faccia”
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!