cantiere in piazzale della vittoria

Scarsi accorgimenti per evitare danni alle radici, alberi utilizzati come sostegno o aggrediti senza lasciar la zona di rispetto, fusti parzialmente danneggiati e rami che sono stati spezzati”: questo è quanto alcuni cittadini hanno riferito al Comitato “Giù le mani dagli alberi di Forlì” a proposito dei lavori in corso in piazzale della Vittoria viale della Libertà: enormi tubature da sistemare nel sottosuolo per collegare le reti di teleriscaldamento dall’Itis alla Green Energy House di Hera, al Campus universitario di Forlì.
Il crono programma dei lavori prevede per tutto il mese di settembre ruspe e mezzi meccanici in azione nell’ellisse di Piazzale della Vittoria, lato vie Corridoni e Bolognesi, dove il cantiere rimarrà allestito per il tempo necessario a consentire i lavori di realizzazione di un tunnel sotterraneo fino al Campus.
Il rischio è che con un’eventuale incuria nell’eseguire i lavori le radici, il colletto o il tronco degli alberi – i delicati pini di piazzale della Vittoria e i più robusti lecci di viale della stazione che hanno sopportato una guerra e visto l’arrivo degli alleati in città nel novembre del 1944 – possano subire danni irreparabili. E quindi invitiamo gli organismi preposti, a partire dai tecnici comunale del Verde, a vigilare affinché l’attività programmata si svolga a regola d’arte”: scrivono in una nota Marco Colonna e Alfonso e Nicola Vaccari, portavoce e fondatori di “Giù le mani dagli alberi di Forlì”, gruppo spontaneo ambientalista che conta su Facebook 1835 membri attivi.