Deborah Tumedei

Dal 2002, nell’Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva dell’ospedale di Forlì, è stata creata una Ibd Unit per la gestione del paziente con malattia infiammatoria cronica intestinale.Tra le attività della Ibd Unit molto importante è stata la formazione dell’Infermiere Case Manager e la creazione del primo Registro nazionale  di patologia. “Il ruolo dell’infermiere Case Manager – spiega la dottoressa Daniela Valpiani, coordinatrice del progetto e relatrice nella sessione per i medici – è finalizzato a garantire il coordinamento delle cure, in modo tale da facilitare la gestione della malattia in ogni momento:nella fase acuta, nell’intervento chirurgico, durante la riabilitazione, e nel periodo della terapia farmacologica a lungo termine. Inoltre, tale figura assicura l’accertamento dei problemi dei pazienti e delle loro famiglie ogniqualvolta si presentino, sviluppando poi, in collaborazione con gli altri membri del team interdisciplinare, un piano assistenziale in grado di fornire la risposta più adeguata alle specifiche esigenze. Questo tipo di presa in carico permette di individuare gli obiettivi del trattamento, che può avvenire  in regime ambulatoriale, di day service o day hospital, di ricovero. La valutazione continua dell’efficacia dell’assistenza e dei risultati dei trattamenti, effettuata dall’infermiere insieme agli specialisti, garantisce poi cure appropriate evitando eventuali duplicazioni o frammentazioni dell’attività programmata, e offrendo così la migliore assistenza possibile con le risorse disponibili“. Il modello forlivese “Ibd Nursing” verrà presentato dall’infermiera Deborah Tumedei al convegno sulla Malattia di Crohn che si terrà alla Camera Consigliare di Commercio di Fermo in corso Cefalonia 69, il 14 e 15 settembre prossimi.