Gabriele Zelli

Sarà lo storico Mario Proli il relatore del meeting promosso dal Lions Club Forlì Host che si svolgerà giovedì 28 settembre, alle ore 20,15, al Grand Hotel Forlì. Ricorrendo il 60° della fondazione del sodalizio, l’anno sociale appena iniziato sarà caratterizzato da una serie di eventi per ricordare il ruolo che il Club ha avuto nel contesto cittadino approfondendo maggiormente la conoscenza della realtà territoriale e le principali iniziative benefiche, che sono alcune centinaia, promosse dal 1957 ad oggi.
L’incontro di giovedì avrà come titolo: “Obiettivo Forlì – Gli anni della “grande trasformazione“: dalla ricostruzione alla società dei consumi”. Mario Proli affronterà l’argomento, dopo la cena conviviale, proponendo una serie di immagine inedite e suggestive di Forlì per documentare i cambiamenti avvenuti in città dal dopoguerra ad oggi. Una realtà che a causa del Secondo conflitto mondiale registrò oltre 2.000 morti, altrettante case abbattute o inagibili, a causa dei bombardamenti, e gran parte delle aziende locali che subirono la stessa sorte. Nell’arco di 70 anni le trasformazioni avvenute sono molto evidenti. Oggi Forlì, pur con tanti problemi irrisolti come la situazione del centro storico, può vantare, solo per fare qualche esempio, un nuovo ed efficace polo ospedaliero, un campus universitario all’avanguardia, una viabilità completamente trasformata con la realizzazione completa dell’Asse di arroccamento e di gran parte della Tangenziale Est, zone artigianali e industriali che continuano a generare ricchezza, anche se la crisi che ormai perdura da una decina d’anni ha portato alla chiusura di molte attività. Da non dimenticare un generale tenore di vita che è al pari delle più agiate regioni europee, nonostante un evidente accrescimento del disagio economico da parte di una fetta di famiglie e non solo di quelle che da qualche decennio popolano la città provenienti da altri paesi.
L’appuntamento con Mario Proli – informa Gabriele Zelli (nella foto) presidente del Lions Club Forlì Host – costituirà il preludio a una successiva iniziativa durante la quale saranno le socie e i soci a presentare una o più immagini di Forlì, o di un evento che si è tenuto in città, per fare in modo che attraverso la loro proiezione si possa raccontare una breve ma significativa storia cittadina. In questo caso le immagini in questione potranno fare riferimento a tutto il secolo scorso andando a spulciare le raccolte che molti iscritti possiedono e che costituiscono un patrimonio culturale da non disperdere“. Per informazioni sul meeting di giovedì telefonare al 3493737026.