Convegno confinfustria

Si svolgerà domani dalle ore 9,30 alla Fiera di Forlì, sala Europa, il convegno “Soluzioni operative per Industria 4.0. Investimenti tecnologici, finanziamenti, buone pratiche e fiscalità agevolata nel piano Nazionale Industria 4.0”.
Organizzato da Confindustria Forlì-Cesena vanta essere il primo forum nella Regione Emilia Romagna che vede coinvolti attorno allo stesso tavolo tutti gli attori insieme: l’Ordine degli Ingegneri, il Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati, l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili insieme alla Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna – Gruppo Intesa Sanpaolo, oltre che con il patrocinio e la collaborazione della Scuola di Economia, Management e Statistica dell’Università di Bologna, sede di Forlì per discutere di Industria 4.0.
Il convegno fa parte del calendario degli eventi della “Settimana del Buon Vivere” e nasce per illustrare e fare luce sul tanto discusso Piano Nazionale “Industria 4.0” e sulle misure incentivanti che rappresentano un’importante opportunità concreta per aiutare le imprese del territorio ad essere più competitive.
Abbiamo immaginato di dare una interpretazione di tipo comune, frutto degli approfondimenti di ciascuno, di quelle che sono le soluzioni operative che possono essere intraprese per Industria 4.0 e vorremmo farne argomento di ulteriori comuni proposte interpretative, poiché ad oggi diverse sono le rappresentazioni che solitamente ciascuna delle singole organizzazioni dà dell’intervento che può essere fatto di modernizzazione tecnologica o di adeguamento alla normativa di legge” ha precisato Massimo Balzani, direttore di Confindustria Forlì-Cesena.
I lavori iniziano alle 9,30. L’appuntamento vedrà esponenti di rilievo del mondo economico e del mondo accademico discutere sul tema con lo scopo di supportare le aziende in maniera coordinata e sinergica a fronte delle agevolazioni offerte dal Piano Nazionale “Industria 4.0”.
Molteplici sono i motivi per i quali è necessario discutere del tema Industria 4.0 e in particolare dell’intervento legislativo fatto per promuoverla. – spiega Davide Stefanelli, consigliere con delega all’Innovazione di Confindustria Forlì-Cesena – Poiché la normativa risulta atipica e richiede competenze trasversali di più soggetti quali fiscali, tributari e ingegneristiche ma anche imprenditoriali e finanziare, abbiamo riunito allo stesso tavolo diverse personalità del mondo economico per promuovere al meglio questo tipo di intervento, importante per la competitività delle aziende del nostro territorio, che passa dalla rivoluzione tecnologica e che cambierà il modo di approcciarsi al mercato e di competere di molte aziende. – continua – Oggi assistiamo a un cambiamento ineludibile a livello locale e internazionale. Noi vogliamo cogliere queste agevolazioni fiscali che il Governo mette a disposizione non solo dal punto di vista finanziario ma anche per promuovere questo cambiamento e condividere con tutto il tessuto imprenditoriale la direzione che occorre prendere per essere sempre più competitivi”.
Il piano di Industria 4.0 significa spingere gli imprenditori a investire e a rischiare, ma rischiare vuole dire anche gestire l’alea dell’investimento. – ha dichiarato Riccardo Neri, presidente dell’Ordine Ingegneri della Provincia di Forlì-Cesena – Il piano prevede anche una relazione, una perizia giurata, attribuita ai tecnici competenti. Per rispondere a questa esigenza nasce la richiesta di Confindustria Forlì-Cesena di coinvolgere tra i 1500 ingegneri iscritti all’Ordine, chi potesse essere di supporto sul nostro territorio”.
Al convegno interverranno poi Andrea Bianchi direttore Area Politiche Industriali di Confindustria, che delineerà gli obiettivi del Piano Nazionale Industria 4.0, mentre Luca Tomesani professore ordinario Dipartimento di Ingegneria Industriale e Direttore Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale su Meccanica Avanzata e Materiali dell’Università di Bologna, esporrà le opportunità offerte alle imprese del territorio. Infine Filippo Cicognani professore associato di diritto tributario nell’Università di Bologna e Dottore Commercialista e Revisore legale con studio in Forlì, analizzerà i contenuti legati alla leva fiscale e le agevolazioni tributarie.
Molte sono le novità presenti nella Legge di Bilancio 2017, tra queste ci sono quelle relative alla proroga del super ammortamento e l’introduzione dell’iper ammortamento. Di questo si parlerà nella sezione dei casi pratici. In particolare Giorgio Gavelli, con studio in Forlì, nell’ambito dello Studio Sirri Gavelli Zavatta & Associati, interverrà sulla disciplina fiscale degli ammortamenti mentre gli Ingegneri iscritti all’Ordine, Mirko Montalti e Alessandro Barzanti, si focalizzeranno sulle perizie e sulle valutazioni tecniche.
Chiuderà i lavori la tavola rotonda, moderata da Fabrizio Binacchi, Direttore RAI Regione Emilia-Romagna, che vedrà confrontarsi Davide Stefanelli con Adriano Maestri, Presidente Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna – Gruppo Intesa Sanpaolo, Riccardo Silvi, professore associato del Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna e Roberto Mascali, Area Relazioni Esterne e Rapporti Associativi di Umana S.p.A. su quali siano le posizioni istituzionali e le conoscenze disponibili in ambito locale per cogliere la grande opportunità di innovazione tecnologica e per guardare ai nuovi scenari che si apriranno.