Civitan International, promuovere in Italia

0
Letture: 707

Il Civitan International, con sede a Birmingham, in Alabama, è un’organizzazione internazionale di service club fondata nel 1917 a favore della comunità. I suoi massimi vertici in Europa, Michael Köneke e Tor Dahl, provenienti dalla Norvegia, hanno voluto incontrare i dirigenti Civitan siciliani in vista della creazione del Distretto Italia. A riceverli Paolo Battaglia La Terra Borgese (nella foto), Ignazio Beninati, Fulvio Inzerillo, Tiberio Mantia (quest’ultimo in videoconferenza) che insieme agli altri Civitans italiani stanno lavorando in questa direzione. Affrontato anche il tema dell’impegno Civitan a sostegno della ricerca per sconfiggere il cancro. La riunione nella sede del Giornale di Sicilia è stata è stata mediata da Claudia Di Gregorio, una delle massime interpreti linguistiche in Sicilia, incaricata da Paolo Battaglia La Terra Borgese. Civitan International mira a “costruire buoni cittadini” e fornisce una organizzazione di volontariato basata su club dedicati a servire le esigenze individuali e della comunità con particolare attenzione all’assistenza di persone con “disabilità dello sviluppo”. L’organizzazione comprende 50.000 membri (denominati Civitans) in quasi 1.000 club di tutto il mondo. Hanno fatto parte attiva del Civitan International personaggi del calibro di: Thomas Edison; John F. Kennedy, Calvin Coolidge, Franklin D. Roosevelt, Harry Truman e molti altri ancora. Il Civitan aiuta ogni qualvolta sia necessario: dalla raccolta di cibi per confortare i meno fortunati e i senza tetto, al volontariato presso case di riposo locali o ancora alla costruzione di parchi giochi per bambini con disabilità. Civitan aiuta le persone fin dalla fondazione dell’organizzazione nel 1917, ad opera di un gruppo di uomini d’affari determinati a fare la differenza nella loro comunità. Il centro di ricerca internazionale di Civitan di UAB, situato nel campus dell’Università di Alabama a Birmingham, realizzato grazie ad un impegno finanziario continuo di Civitan, strumento di ricerca di livello mondiale è un centro per la ricerca di disturbi come l’autismo, la sindrome di Down, i tumori del cervello, l’epilessia e molti altri. Civitan si adopera anche a finanziare le Civitan-Sparks Clinics, un centro di terapia a Birmingham nel quale i bambini e le famiglie con disabilità allo sviluppo possono ricevere diagnosi, terapia, consulenza e altre risorse necessarie. Le cliniche Civitan-Sparks assistono migliaia di bambini e famiglie con disabilità allo sviluppo ogni anno. Anche i club Civitan al di fuori del Nord America stanno assumendo importanti progetti. Nelle Filippine il Civitan Asia Training e Research Institute è un’accademia dove i medici, gli insegnanti e altri professionisti imparano a servire i bambini con disabilità allo sviluppo. In Norvegia, la Fondazione di Ricerca Civitan Norway istituisce importanti ricerche scientifiche sulla malattia dell’ Alzheimer. Inoltre in Africa Occidentale, Civitans fornisce acqua potabile pulita e istruzione per le persone nelle comunità rurali. L’appartenenza a Civitan è aperta a chiunque abbia almeno 18 anni e di buon carattere. Civitan si sforza di promuovere i principi della comunione, della conoscenza e del servizio all’umanità attraverso ogni suo locale club.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarbecue a Forlì
Articolo successivoLa Sagra della Scottona, VIII edizione
Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è un critico d'arte italiano. Cura, per conto di pittori e scultori, quotazioni ufficiali, critiche d’arte, pubblicazioni, libri, bibliografie, mostre in enti pubblici e privati, l’acquisizione di opere d’arte nel patrimonio artistico di Enti Pubblici, comunicazioni stampa. Crea interviste agli artisti con giornalisti anche televisivi, manifestazioni, intermediazioni culturali tra Enti Pubblici e Artisti. Ha fondato nel 2011 il Premio Arte Pentafoglio, onorificenza orientata ad insignire annualmente Capi di Stato e di Governo, vertici delle Istituzioni Civili e Militari, Artisti, Letterati e Scienziati di chiara fama, eccellenti operatori commerciali ed economici, alti prelati e comuni cittadini che, spesso nell’ombra, si sono impegnati nel volontariato in difesa dei diritti umani, della legalità e della pace, testimoniando così la continua elevazione dell’Umanità attraverso l’operosità e la cultura. La natura del Premio Arte Pentafoglio e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. È dotato dell'immagine del Myosotis, fiore a cinque petali conosciuto come “Non ti scordar di me”. Si fregia della Bandiera Italiana.