confindustria

Il Comitato Innovazione e il gruppo di lavoro Ict di Confindustria Forlì-Cesena hanno dato il via ad un ciclo di incontri dal titolo “Stories di Industria 4.0”. I concetti come “Industria 4.0”, “rivoluzione digitale”, “automazione”, stanno diventando un mantra, si tratta di un valore aggiunto sia dal punto di vista produttivo che permette di incrementare il livello di efficienza, velocità e tracciabilità dei processi produttivi; sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale e sociale, riducendo sprechi e danni al prodotto finito e aumentando il livello di sicurezza. Siamo di fronte alla quarta rivoluzione industriale, a una trasformazione che richiede nuove competenze orizzontali e importanti skill di analisi, problem solving e comunicazione, ma anche requisiti di scalabilità e compatibilità tra i diversi software in modo che l’integrazione non sia solo un concetto ma una realtà plastica capace di adattarsi ai cambiamenti in velocità.
A fronte di tutto ciò Confindustria Forlì-Cesena ha dato il via al progetto “Stories di Industria 4.0” con un ciclo di incontri in cui si succederanno imprenditori del territorio, e non solo, che poteranno la propria esperienza per stimolare e fornire un esempio concreto per fare capire che il processo di digitalizzazione del settore manifatturiero, rinnovando la catena del valore, cambia il modo di lavorare ma anche la natura delle organizzazioni industriali. A portare la propria testimonianza ed esperienza sono stati Fabio Piraccini, CEO di Onit Group, azienda informatica del cesenate, insieme a Lucio Fenati production manager di Orogel e Chiara Beltrame production manager dello stabilimento di Ferrara di Celanese So.F.Ter.
I progetti presentati e realizzati da Onit Group hanno trattato per Orogel del monitoraggio dei consumi elettrici e della raccolta dati in tempo reale della produttività delle singole lavorazione, mentre per Celanese So.F.Ter. della tematica dell’integrazione di tutti i sistemi di produzione “Scada” al fine di centralizzare il monitoraggio e la gestione delle linee di lavorazione. L’iniziativa ha riscosso un buon interesse coinvolgendo più una cinquantina di partecipanti.