nubifragio a Forlì

Le premesse non erano delle più incoraggianti. Nuvole di vari colori con un vento assurdo che è arrivato fino a quasi 90 km all’ora. Poi è arrivato uno dei temporali più forti degli ultimi mesi con pioggia quasi come una bomba d’acqua. Alberi stroncati, gru crollate, semafori abbattuti, pubblica illuminazione attiva come di notte. Il violentissimo nubifragio che si è abbattuto nel primo pomeriggio sul Forlivese in pochi secondi ha riversato con un’enorme violenza un consistente quantitativo d’acqua, trasformando le strade in veri e propri corsi d’acqua. La tempesta, durata circa una trentina di minuti, ha seminato diversi danni in città. In via Isonzo una gru è crollata. Diverse vie alberate interrotte per rami e tronchi in strada, in particolare via Lughese, viale Salinatore e viale Italia. E poi tetti e strutture scoperchiate. Le segnalazioni alle centrali operative delle varie forze dell’ordine sono state decine e decine per allagamenti e danni in ogni angolo della città. In via Corridoni al Qcorner il vento ha spazzato via delle strutture. Tanti gli alberi e rami che hanno danneggiato auto parcheggiate. Al momento non si registrano danni a persone. Per i danni alle cose invece le premesse non sono incoraggianti. Intanto il Comune ha già proceduto con il primo comunicato ufficiale:

L’Amministrazione Comunale di Forlì è impegnata con il proprio personale, con i servizi sul territorio e anche grazie a volontari dei quartiere che hanno collaborato con la Polizia Municipale, a far fronte alle criticità causate dalla violenta ondata di maltempo, con fortissima intensità di vento, avvenuta nel pomeriggio di oggi 10 agosto. Un’attenzione particolare viene riservata anche alla raccolta di segnalazioni e al monitoraggio delle condizioni degli assi nevralgici della viabilità, soprattutto dei viali alberati, e delle strutture. Per urgenze contattare la Polizia Municipale: 0543/712000. L’impegno del Comune si associa a quello delle altre istituzioni e presidi di pronto intervento che si sono attivati da subito per fronteggiare l’emergenza e ripristinare la normalità“.

Il sindaco Drei. Evento eccezionale con vento fino a 132km/h: il Comune di Forlì chiede lo stato di emergenza

Le criticità riscontrate – spiega in una nota il sindaco Davide Drei – nei numerosi interventi d’emergenza, l’attività di monitoraggio e le segnalazioni raccolte in queste ore hanno permesso di valutare la gravità dell’ondata di maltempo che nel pomeriggio di oggi, 10 agosto 2017, si è abbattuta su Forlì e sul territorio. Anche i dati raccolti da ARPAE regionale dimostrano l’eccezionalità dell’evento che è stato caratterizzato da una fortissima intensità del vento con un picco registrato alla velocità di 132 km/h. Mentre prosegue l’impegno in strada per fronteggiare le numerose problematiche, cercare di risolvere le criticità e ridurre i disagi causati da questa ondata di maltempo, comunico la volontà del Comune di Forlì di chiedere alla Regione Emilia-Romagna lo Stato di Crisi attraverso l’Ambito Territoriale dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile. Ho verificato di persona la difficile situazione e ho fatto il punto con i responsabili dei servizi impegnati nelle attività di emergenza e con il Comandante della Polizia Municipale. Continua anche l’azione dei sopralluoghi e delle verifiche per garantire la sicurezza dopo questo evento eccezionale, attività che stiamo portando avanti in ordine di priorità e che proseguiranno anche nei prossimi giorni“.

I tecnici impegnati nei sopralluoghi hanno verificato che l’eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuta oggi pomeriggio su Forlì ha arrecato gravi danni alla copertura del Mercato Coperto di piazza Cavour. Si rende pertanto necessaria la chiusura del Mercato a partire dalla giornata di domani, venerdì 11 agosto, e fino alla messa in atto dei necessari interventi per il ripristino delle condizioni di sicurezza e fruibilità della struttura.