Santa sofia

Si prospetta ricco di eventi il fine settimana nelle frazioni di Santa SofiaSabato 26 e domenica 27 agosto, sui prati della Burraia, nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, torna l’appuntamento con “Ali al vento”. Due giorni dedicati ai voli di colorati aquiloni, sul panorama mozzafiato dell’appennino tosco romagnolo. In programma laboratori per bambini e dimostrazioni di volo grazie alla collaborazione del Festival degli Aquiloni di Cervia e del Corpo Forestale dello Stato.

Festa anche a Spinello domenica 27 agosto, per la XVIII edizione del “Baldaccio d’oro” che si terrà alle ore 16,00 all’ex chiesa. Protagonista della giornata sarà Padre Carlo Stradaioli, destinatario del riconoscimento “per una vita spesa sempre al servizio degli ultimi”. Nato ai Calci di Camposonaldo nel 1938, è attualmente in forza al santuario della Beata Vergine del Piratello a Imola e come cappellano all’istituto di riabilitazione di Monte Catone. La sua vocazione si fece sentire molto presto, quando ancora Stradaioli era un bambino. “Scelsi di essere francescano – dice padre Carlo – perché i preti sono soli mentre i francescani sono una comunità e poi volevo andare in una missione”.

E così avvenne: dal 1963, anno in cui partì per la sua prima missione in Paraguay, tornò in Italia solo nel 2010. Per 33 anni visse ad Asuncion in Paraguay presso la missione di Itacurubè con le popolazioni Indios e Guaranì e dal 1989 guidò una parrocchia appena costituita ad Asuncion che comprendeva 84 villaggi. Dal Sud America, poi, il trasferimento nelle Filippine negli anni 2000, nell’isola di Mindanao, dove gestì la parrocchia di Ruiz, in una zona molto pericolosa. A lui, che ha dedicato la sua vita al prossimo, verrà consegnato il medaglione artistico realizzato dalla ceramista santasofiese Giovanna Bellini, raffigurante l’effige di Baldaccio da Citerna (capitano di ventura che soggiornò a lungo in questi territori). Il premio Baldaccio d’oro è riservato ad un personaggio nato o che ha avuto avi nel territorio del comune di Santa Sofia e che, con il suo lavoro, si è distinto e ha dato lustro al paese.