Tommaso Moro nella Sala della Regina della Camera dei Deputati

0
Sipario

Per far rivivere la voce del grande politico e umanista cristiano Tommaso Moro, l’ensamble teatrale Compagnia Bella presenterà il dramma “Thomas More“, l’opera ritrovata di William Shakespeare, nella Sala della Regina della Camera dei deputati di piazza Montecitorio.
Tra i protagonisti molti personaggi di teatro noti al pubblico forlivese perchè calcano il palcoscenico da tempo con successo e per essere nostri concittadini. La produzione si avvale della regia di Otello Cenci, dei testi di Giampiero Pizzol e del stesso Cenci e dell’interpretazione di Andrea Carabelli, Giampiero Bartolini, Giampiero Pizzol, Andrea Soffiantini, Isotta Ravaioli. La realizzazione delle scene e delle luci è a cura di Officina Teatro, i costumi di Liana Creazioni, i burattini di La Ghironda – Domus Coop, la produzione di Compagnia Bella con la partecipazione straordinaria di Luca Violini.
“Il Cenacolo di Tommaso Moro” ha voluto quest’opera teatrale in uno dei luoghi simbolo delle istituzioni italiane dove le parole dello statista e santo possono mostrare tutto il loro spessore umano, culturale e politico. Ancor di più in questo tempo in cui sembra prevalere un clima di incertezza e sfiducia nella politica, Thomas More che ha affascinato anche il grande Shakespeare, colpisce per la sua attualità. Vale la pena ascoltare il suo discorso in difesa degli immigrati cacciati dai londinesi nel Cinquecento, val la pena capire la logica con cui cerca di conciliare clemenza e giustizia nell’amministrazione della legge, ascoltare le sue acute considerazioni sul pericolo della corruzione e dell’abuso di potere. Infine è importante seguirlo nella sua testimonianza cristiana, spesso venata di umorismo, che mette al primo posto la libertà dell’individuo e una coscienza pura tesa alla ricerca della verità. Parole grandi ma non vuote, pagate con il sacrificio della vita, ma pronunciate con il sorriso sulle labbra.
La rappresentazione teatrale, che è già stata proposta in varie città italiane e si appresta a repliche anche nella prossima stagione, è aperta a quanti vogliono partecipare all’evento che si terrà al Palazzo di Montecitorio, Sala della Regina, alle ore 10,30, di venerdì 7 luglio. La partecipazione è gratuita; occorre solo accreditare le proprie generalità entro il 5 luglio all’indirizzo mail: monica.sacceddu@camera.it. Per gli uomini è obbligatoria la giacca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGalleria Farini Concept a Villa Ariston in Croazia
Articolo successivoTrattoria da Nadia a Fano
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.