È un buon momento per la Ferrari, sotto tanti punti di vista: se il mercato sta apprezzando le novità proposte dalla casa di Maranello (e non vede l’ora di scoprire se sarà realmente realizzato un Suv di lusso del Cavallino Rampante), finalmente anche nel comparto corse si compete con il titolo, con Vettel in testa alla classifica mondiale della Formula 1. I tifosi possono sognare il ritorno alla vittoria nel circus, ma anche di sedersi al volante di una delle supercar italiane, compresa l’ultima arrivata 812 Superfast.

Al volante di una Ferrari

Anche l’esclusiva Ferrari 812 Superfast, infatti, è entrata a far parte del garage di Rse Italia, società italiana specializzata nel noleggio di supercar sportive che anche i non professionisti possono guidare per effettuare giri di prova in un lungo elenco di tracciati, italiani ed europei, vivendo quella che si può definire assolutamente una esperienza da sogno. Parole che hanno pronunciato tutti quelli che hanno avuto il privilegio di guidare una Ferrari a Maranello in pista, come Gordon Ramsay o Joe Bastianich.

Le ultime novità

Ma come dicevamo l’attenzione adesso sembra essere catalizzata sulle novità commerciali della casa modenese, anche dopo gli ottimi risultati dei test della citata Ferrari 812 Superfast, di recente messa alla prova in pista a Fiorano e su strada intorno a Maranello per verificare le sue reali prestazioni. Ebbene, l’incredibile motore V12 da 800 cavalli si rivela ancora più interessante e adrenalinico di quanto si può immaginare.

Le prove della Superfast

Innanzitutto, gli esperti hanno messo in risalto la straordinaria agilità della vettura tra curve e tornanti, sottolineando come una volta al volante ci si possa dimenticare di essere alla guida di una sportiva lunga 4,657 metri, grazie a una sensazione di telepatica agilità che risulta possibile anche per la buona collaborazione tra ruote posteriori sterzanti e tutto il comparto dell’elettronica.

Prestazioni estreme

La potenza del motore, in grado di spingersi nominalmente fino ai 340 chilometri orari, non sembra provocare effetti o disagi nella conducibilità della Superfast, che anzi trasmette un senso di sicurezza che accresce il piacere di guida, mescolandolo a un divertimento puro. In definitiva, una macchina dalle prestazioni estreme che è destinata a lasciare il segno.

Arriva il Suv Ferrari?

Ed è inevitabile pensare che il segno sarà lasciato anche dall’eventuale Suv Ferrari di cui si sta tanto parlando in queste settimane, dopo l’indiscrezione rilanciata da “Car Magazine”, edizione italiana del prestigioso periodico britannico “Car” specializzato appunto nelle quattro ruote, che ha scritto che la casa di Maranello starebbe concretamente pensando a un crossover ispirato per l’appunto ai SUV, che andrebbe a contrastare le mosse in questa direzione di competitor come Lamborghini e Aston Martin.

Le rivelazioni di Car Magazine

Addirittura, ci sarebbe già un nome in codice per il veicolo, ovvero “Ferrari F16X“: come accennato sarebbe un’auto crossover che strizza l’occhio al mondo dei SUV, ma basato sulla piattaforma della shooting-brake Ferrari GTC4, riprendendone lo stile con alcune correzioni sul design e alcuni dettagli a rimarcare la natura offroad. Attese modifiche anche per il motore, con il V12 che dovrebbe essere sostituito da un V8 più “leggero” e probabilmente abbinato ad un propulsore elettrico, che consentirebbe di ridurre le emissioni inquinanti e i consumi di carburante.