farmacia

L’affaire farmacie ha rivelato un lato nascosto del ceto politico attualmente al potere a Forlì: l’assoluta indifferenza ideologica fra pubblico o privato. Eppure, anche un vecchio di formazione liberale come me sa che l’interesse pubblico non può non precedere quello privato. Si potrà discutere, invece, se tale interesse sarà meglio assicurato da una gestione pubblica rispetto ad una privata.

Ora, nel caso specifico, la domanda corretta – quella alla quale non si è risposto e che rende perciò un po’ fetida l’aria della pescheria – è: posto che le farmacie comunali rivestono un interesse pubblico, in che cosa una eventuale gestione privata migliorerebbe la qualità del servizio ai cittadini? Finché non si parla di cose concrete alla luce del sole, non ci si capisce. Parliamone! Oppure sindaci e deputati non vogliono?

Roberto Balzani

CONDIVIDI
Articolo precedenteStatue fasciste
Articolo successivoAlea Ambiente: accordo fra Forlì e Treviso per la gestione dei rifiuti
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.