“Stand by me” alla XXI festa artusiana (3)

0
bancarella stand

Abbiamo ‘perlustrato’ per la terza serata la Festa Artusiana. Tante sorprese. Faremo la classifica dei 10 migliori a chiusura manifestazione.
– Visita degustativa allo stand “X Te” di Milano Marittima facente parte di un interessante Gruppo: Cantinaza (Mi-Ma); Hotel Prestigio (idem), Casa Moka a Faenza e Bagno Amarissimo quest’ultimo recensito. Il piatto proposto è un “Passatello asciutto al sugo di sgombro, poverazze, verdurine e pesto leggero”. Di bella presenza, buon odore di fresco e pesce, all’assaggio risultava delicatissimo, assai ghiotto con retrogusto: buonissimo. Il piatto va nella Top Ten.
– L’Azienda Agricola Martini mi ha rinnovato l’invito all’assaggio della salsiccia matta di Galeata detta “Ciàvar”: ottima. Mercoledì sera proporranno un hamburger di carne romagnola a Presidio Slow Food di loro produzione.
– Al Cenacolo, il noto ristorante di Cesenatico,  mi hanno fatto assaggiare la ricetta #45 dell’Artusi “Monfettini alla Seppia”. Buonissimo, delicato, sapore persistente, ampio. Sicuramente da Top Ten. Si tratta di una piccolissima pastina all’uovo di grano tenero con un ragù a base di sedano carota cipolla con pezzettini di seppia, sale pepe e spezie. Ricetta dell’Artusi.
Azienda mantovana proponeva Tortelli di Zucca con amaretto al burro fuso e grana: da recensire, oggi era impossibile. Sembrava valido.
– Stand Lu Panzerotto. Ritroviamo i simpatici amici della Fratta Terme che propongono i Panzarotti, originali tarantini, ma ormai romagnolizzati “Made in Fratta Terme”. Davvero ben fatti.
– Stand Cicciolo d’Oro. Presentano una gamma di salumi di alta qualità buonissimi, invidiabili. L’assaggio del salame “Regina di Testa” ha portato ai massimi voti come anche la Tigella con la Coppa di Testa.
La Pantofla di Cervia riproponeva la zuppa di cozze e la rustida di pesce azzurro. Buonissimo.
Stand di Traun: i simpatici amici di Traun (Austria, vicino Linz) ormai presenti da anni e gemellati con Forlimpopoli, presentavano i soliti piatti. Interessante il salsicciotto piccante,  puro suino da loro stessi allevato (mi dicono nutrito, in maniera “genuina”) con patate lessate poi saltate in padella e crauti, quelli veri di crauti cioè senza aceto, ci tengono a sottolineare, aventi una acidità nata col tempo. I loro dolci sono dei Krapfen con o senza marmellata di albicocche al rhum, golosi e dolcissimi.
Polpette Bertozzi. Già recensite l’anno scorso, la golosa polpetteria di Santa Maria Nuova di Bertinoro (con allevamenti propri) presentava la ampia gamma di Polpette che andremo ad assaggiare nei prossimi giorni visto l’orario.

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'Inps mette in difficoltà le terme, Di Maio (Pd): "Il Governo intervenga"
Articolo successivo'Rinascimento Sardo' in piazza Saffi
Sono un 62enne con 40 anni di attività professionale sulle spalle. Per divertimento mi avvicinai alla cucina, poi un magnete mi attirò verso la passione sui Ristoranti. Il caso volle che divenni un segnalatore per la guida di Veronelli, "I Ristoranti di Veronelli". La mia vita professionale mi ha portato a girare Italia e Francia. Sono un curioso che ha sete di notizie. Riservato ed anonimo, sempre!