Unieuro Forlì – Proger Chieti: 91 – 75

Per una gara decisiva ci si aspetta il pubblico delle grandi occasioni. Al contrario gli appassionati di Forlì rispondono in maniera tiepida e così gara3 della serie decisiva per la permanenza in A2 si gioca davanti ha poco meno di 2400 tifosi che alla fine di 40 minuti, che poi in realtà si riducono ai primi 30, festeggiano una vittoria che potrebbe risultare decisiva ai fini del successo finale.
Le due squadre partono contratte con i padroni di casa che nonostante tutto al quinto minuto sono già in vantaggio (11-9) grazie a un ispiratissimo Amoroso e ad Ogo. Gli abruzzesi propongono invece un Davis super lusso a cui fa da contro altare un Golden partito in sordina. Johnson si ricorda di essere il principale terminale offensivo della squadra e realizza due triple che creano il primo strappo a favore dell’Unieuro. Chieti rimane attaccata alla partita grazie tiri liberi (8 su 10) nel primo quarto che si chiude con i romagnoli in vantaggio (23-20).
Nel secondo quarto sembra di essere sulle montagne russe perchè la partita cambia continuamente padrone; prima Forlì sfiora con una bomba di Pierich (che esce di pochi centimetri) il +8; poi si trova catapultata a -4 in virtù di un parziale di 0 a 9 per gli ospiti che al 15′ conducono le danze (33-38). Capitan Ferri guida i suoi ricucendo lo strappo sino al (37-38). La sfida viaggia così sul filo dell’equilibrio fino agli ultimi due minuti del primo tempo nei quali l’Unieuro, approfittando della dinamicità dei soliti Ryan Amoroso e del suo regista nigeriano, attacca l’area e trova canestri e falli che le consentono di chiudere la prima frazione sul (52-46). Il vantaggio potrebbe addirittura dilatarsi maggiormente se la squadra di Valli non fosse sprecona dalla lunetta. Dopo il rientro dall’intervallo lungo e decisivo Forlì stringe le maglie difensive, Chieti non segna più e trova il primo canestro al campo a 6:53 dalla fine del parziale; Ogo mette la museruola a Golden, che lo soffre tremendamente, e riesce a fare bottino anche in attacco. Va da sé che i romagnoli trovano il massimo vantaggio della gara nel confortante +20. Nella seconda metà del quarto gli ospiti si riavvicinano grazie ad alcune conclusioni inventate di Zucca e Golden così al trentesimo il tabellone recita (74-56).
Il quarto conclusivo è un proforma; Ferri guida i suoi verso una vittoria importantissima che domenica consentirà loro di giocarsi la salvezza in gara 4 alle 18,00. La serie ora è sul 2 a 1 e l?unieuro ha un’altra importantissima occasione.
Agli uomini di Di Paolo non rimane che leccarsi le ferite e preparare al meglio questa gara che per loro sarà veramente senza ritorno; gli abruzzesi però sono apparsi nettamente inferiori quando i biancorossi hanno registrato la propria difesa.

Unieuro Forlì: Adegboye 19 (6/10, 1/3), Johnson 15 (2/5, 2/5), Amoroso 15 (6/10, 1/1), Bonacini 12 (4/6, 1/2), Ferri 10 (1/2, 2/4), Castelli 7 (2/3, 1/2), Paolin 6 (2/3, 0/1), Rotondo 5 (1/1), Del Zozzo 2 (1/1), Pierich (0/2 da tre), Ravaioli (0/1 da tre), Thiam. All. Valli.
Tiri liberi: 17/23 – Rimbalzi: 29 (5+24) – Assist: 15.
Proger Chieti: Golden 19 (4/12, 1/6), Fallucca 12 (2/3, 2/4), Davis 11 (3/3, 1/7), Venucci 10 (2/3, 2/3), Mortellaro 9 (2/6), Piccoli 4 (1/1, 0/1), Zucca 4 (2/2), Turel 4 (1/1, 0/1), Sergio 2 (1/3, 0/1), Allegretti. All. Di Paolo.
Tiri liberi: 21/24 – Rimbalzi: 28 (5+23) – Assist: 9.
Arbitri: Ciaglia – D’Amato – Maffei.
Parziali: 23-20; 52-46; 74-56.
Note: 2.372 spettatori.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCammaroto: "Un playout da gestire in 180 minuti"
Articolo successivoVoce all’innovazione: la giornata dei materiali avanzati
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!