Forlì dall'alto

«A seguito degli accadimenti che stanno contraddistinguendo l’attuale quotidianità locale e che hanno visto sempre più spesso balzare all’onore delle cronache la figura dei Comitati di Quartieri, come Area Nord (Barisano, Branzolino, Durazzanino, Foro Boario, Malmissole, Pianta-Coriano-Ospedaletto, Pieve Acquedotto, Poggio, Roncadello, S.Benedetto, S.Giorgio, S.Martino in Villafranca, S.Tomè, Villafranca), ci sentiamo in dovere di rispondere e di chiarire alcuni punti che, a parer nostro, sono stati da più parti mal interpretati, finendo per mettere in discussione, purtroppo in malo modo, il lavoro dei tanti volontari che compongono questi corpi sociali indispensabili per ottimizzare quel collegamento col territorio di cui ogni amministrazione dovrebbe nutrirsi quotidianamente.
I Quartieri sono organismi che fanno della terzietà il requisito indispensabile del loro agire, una neutralità che viene ribadita anche nel momento in cui se ne marca la totale lontananza da subdoli tentativi di promozione di qualsivoglia tipo di ideologie politiche al loro interno.
I membri dei Comitati di Quartiere non sono stati eletti attraverso liste di partito, rappresentano i cittadini tutti, non sfruttano la loro “posizione”, se così vogliamo chiamarla, per orientare scelte o favorire prese di posizione.
Si cerca di favorire lo scambio di informazioni, ci si mette a disposizione dei cittadini, si realizzano confronti e tavoli con l’amministrazione per amplificare la voce proveniente dal territorio, si creano attività che animano la vita dei paesi interessati, si collabora con scuole e associazioni, si promuove la collaborazione fra vicini di casa per creare qualcosa che concretizzi il piacere di stare insieme, di essere comunità, tutto questo il più delle volte realizzato con risorse private, con l’assunzione di importanti responsabilità direttamente sulla propria persona e senza quasi nessun orientamento o copertura da parte dell’amministrazione stessa, tutto ciò però ricordando di dare merito all’impegno profuso dalla nuova dirigente agli Affari Generali e Risorse Umane, Alessandra Neri, per la volontà di rispondere, per quanto possibile, in maniera propositiva e attenta, alle voci e alle esigenze dei Quartieri. Questo vuol dire essere Quartieri e di questo ci si dovrebbe ricordare quando si sceglie di attaccare queste realtà. Ci sentiamo tutti di esprimere profonda amarezza nei confronti di chi svalorizza il nostro ruolo con parole sempre più incalzanti e offensive e in questo senso ci teniamo a mostrare la nostra piena solidarietà ai membri del Comitato di Quartiere di Malmissole, vittime in questi giorni di attacchi plurimi e piuttosto pesanti verso un operato basato sulla totale buona fede e sul rispetto degli interlocutori che con loro si sono confrontati.
Ci tenevamo a chiarire questi semplici concetti perchè la fiducia verso ciò che facciamo deve essere sempre presente e affiancarci nella quotidianità del nostro agire, fiducia che invece, purtroppo, viene sempre più spesso minata, a discapito della fluidità sociale di un sistema e dell’armonia dei suoi componenti».

Il Coordinamento dei 14 Quartieri Area Nord