La Canténa d’Serna a Faenza

0

La Canténa d’Serna a Faenza (RA)
Indirizzo: via Sarna, 221 – 48018 Faenza
Recapiti tel. 0546 – 43045
Giorno di chiusura: martedì, da ottobre a giugno.
Orario di esercizio: pranzo/cena.
Si può prenotare e accettano tutte le Carte di Credito.
Parcheggio: antistante, in mezzo ai Kiwi.
Il locale è climatizzato e con una bella e invitante sala molto gettonata in estate.
Come arrivare/itinerario consigliato: Provinciale da Faenza a Brisighella. Se arrivi da Forlì la prendi dalla circonvallazione di Faenza, direzione Brisighella e quindi indicazione Sarna.

Dalla bella strada provinciale che collega Faenza a Brighella, passando tra stupendi vigneti, frutteti e piantagioni di kiwi che han fatto scuola nel mondo, si arriva alla piccola frazione di Sarna, comune di Faenza. Quasi un’oasi medievale immersa nel verde è quello che ci attende: qui troviamo questa mitica trattoria che oggi è da definirsi storica. In origine nata come negozio di alimentari, quelli di una volta di campagna, ormai scomparsi, la classica salumeria che dai semplici panini e passa, dopo il 1960, a conduzione tipo trattoria, un cliché che ho già visto tante volte qua in Romagna come pure in Toscana.
Il cambiamento, quello che a noi interessa e di cui parlo, avviene con la nuova compagine la quale, da oltre un ventennio, gestisce la nuova Trattoria: si tratta della famiglia Benedetti che troveremo dedita alla conduzione del ristorante.
Il menù proposto è quello tradizionale del territorio, quindi romagnolo, con pasta fatta in casa, i “Curzul” una pasta fatta a mano il cui nome deriva dai “lacci delle scarpe”, gli “Orecchioni” piccoli golosi tortelli rigorosamente serviti burro e salvia; i prodotti del campo che in Romagna non deve mancare; sui secondi vige i piatti tradizionali ma anche ricercati, come il piccione; il bollito, interessante materia dove ho tanto da dire (lo troverai solo al giovedì), come mi informano i miei segnalatori. Il locale lo conosco bene avendolo frequentato per anni, vanta una bella sala all’aperto che è ambita e gettonata in estate. Di pregio le ceramiche poste sulla davanti del locale, enormi quindi non di facile esecuzione, ben decorate con il richiamo alla Cantina di cui si fregia il locale, i panini, le piadine, gli affettati. Questa è la Romagna, questo è il faentino.

Dimensione del locale: medio.
Arredamento,  tavola, servizi igienici: buon mantenimento.

La Cucina come area/note sulla cucina: Cucina romagnola; attrezzata, in ordine.
Chef con divisa e cappello (mia incursione). Maestro chef: Andy Bosi.
Target locale $$$: medio.

Descrizione Menù.
– Antipasti: Bruschette; Crostini (ottimi quelli col fegato); affettati romagnoli; scalogno al’aceto; Squaquerone e salsiccia. (voto medio assegnato: 7-8)
– Primi piatti: “Curzùl” al ragù di castrato; Cappelletti; Orecchioni burro e salvia; (voto 9); Tagliatella (targa della Confraternita: lode!); Garganelli piccanti; Tagliolini scalogno e pomodoro; Polenta; Passatelli in brodo. (voto medio assegnato: 7-8).
– Secondi piatti: Piccione; Bollito al giovedì (menzione); Ossobuco; Coniglio alla cantina; Castrato; Faraona; Fiorentina; Misto brace; Spezzatino in umido della Nonna Cecca (voti medi assegnati: 7-8).
– Contorni: Cipolle al forni; verdure di stagione; Squaquerone con fichi (menzione); “Farzòn”, sorta di fricandò; Fiori di zucca; ecc.
– dolci: Latte brulè; Squaquerone con fichi; Crema fritta romagnola; ecc.
– La Cantina: Carta dei Vini?/dell’Acqua!? Buone etichette, siamo in una Canténa!
– Olio, sale, pepe, spezie: Olio di Brisighella, il top.
– Nel Cestino: pane e piadina.
– Note sul menù/Piatti consigliati: Primi piatti; carne alla brace.
– Miniere gastronomiche: Tagliatelle.

Verdetto finale, voti:
Location (esterno): 9; Ambiente (Locale):7,5; Servizio: 8; Menù: 7-8; Conto: 8.
PL = Effettua il Pranzo Lavoro a Pranzo.
“Sulla Porta”: il locale vanta queste “Placche”, trofei di queste Guide:
– 4live.it se viene recensito
– “Via Emilia Ristoranti” www.viaemiliaristoranti.it
– TripAdvisor, vincitore; Italia nel Piatto; Alice; La Gola; Accademia Italiana della Cucina; Fiat Professional; Strada del Sangiovese; Motociclisti da Favola; Confraternita della Tagliatella.

“Puoi provare questi altri Ristoranti”: (recensioni/segnalazioni, se presenti):
– San Biagio Vecchio (in fase recensiva)
– Marianaza a Faenza città (recensito)
– Villa Abbondanza a Faenza (in fase recensiva)
La Rubrica:
– Cosa c’è da vedere / Week-end in zona? Faenza; Brisighella.
Merita week-end: Si.
– In definitiva: Immerso in mezzo al verde quindi ideale per staccare; indispensabile per lavoro; ottimo per fresche cene estive.

CONDIVIDI
Articolo precedente"Era il 1928" è la foto del mese
Articolo successivoBologna troppo forte anche per la nuova Forlì
Sono un 63enne con 41 anni di attività professionale sulle spalle. Per divertimento mi avvicinai alla cucina, poi un magnete mi attirò verso la passione sui Ristoranti. Il caso volle che divenni un segnalatore per la guida di Veronelli, "I Ristoranti di Veronelli". La mia vita professionale mi ha portato a girare Italia e Francia. Sono un curioso che ha sete di notizie. Riservato ed anonimo, sempre!