L’associazione forlivese Speleo Club Forlì, nata nel 1969 nell’ambito del Club Alpino Italiano, di cui fa parte, si occupa di divulgare la conoscenza e la salvaguardia degli abissi. Organizza annualmente numerose uscite in grotta, un corso di introduzione alla speleologia, diviso tra lezioni teoriche e uscite pratiche, e si vede impegnata nel progetto “Diversamente Speleo” per far conoscere il mondo sotterraneo a persone diversamente abili. Partecipa a spedizioni di ricognizione, ricerca scientifica ed esplorazione sia in Italia che all’Estero. Non ultima lo scorso anno la spedizione esplorativa alla Grotta Tolosu in Romania che ha visto la partecipazione di due speleologhi forlivesi ed ha portato alla scoperta di nuovi rami e di nuovo pozzo dedicato alla città di Forlì, oggi Pozzo Forlì. In preparazione del corso giovedì 27 aprile verrà organizzata una serata a Rio Cozzi, nella splendida cornice della Palestra di Roccia con inizio alle ore 17,00 e fino a notte fonda per far conoscere le tecniche di progressione su corda e dare l’opportunità di provare l’ebrezza di essere calati da un paranco o una teleferica. Per informazioni sulle iniziative è possibile contattare il presidente dello SCF: Giovanni Riva 335 8080516 o il segretario dello SCF: Fabio Tinarelli 347 9529521.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLista SiAmo Dovadola: redigeremo il programma anche grazie a Facebook
Articolo successivo"Atti unici" al teatro di Predappio
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).