Scafati Givova

Una squadra come la Givova Scafati costruita per raggiungere i playoff, costretta a giocarsi la sopravvivenza nella categoria agli spareggi, un campo praticamente inspiegabile; questo ciò che attende Forlì che scende in Campania per il primo turno dei play out. Jackson Darryl Joshua e Marco Santiangeli rappresentano una coppia di tutto rispetto con il cestista maltese già visto in Italia in canotta Enel Brindisi, Caserta, Casalpusterlengo e Roseto che in 12 partite giocate in Campania ha già ampiamente conquisto i tifosi e gli addetti ai lavori.

Come tutti i giovani di talento per poter sbocciare a pieno Santiangeli cerca lontano da casa la consacrazione che lo faccia tornare alla ribalta del basket italiana dopo le buone promesse fatte intravedere in quel di Jesi; giocherà molto probabilmente in posizione di ala piccola. Lupusor Ion cestista italiano di origine moldava, ala forte cresciuta nella Viola Reggio Calabria con cui è arrivato anche in prima squadra, da quest’anno a Scafati; il ragazzo ha percorso tutto l’iter delle nazionali giovanili e si sta mettendo in luce alla corte di Mario Corvo.

Yuval Naimy playmaker di grande esperienza, pregevoli doti tecniche, tanti punti nelle mani e una forte leadership sono le principali caratteristiche di questo atleta, che ha conquistato ottimi risultati nella sua carriera cestistica, sia nelle squadre di club che in nazionale. Cresciuto nelle giovanili dell’Hapoel Gerusalemme, ha fatto il suo debutto in prima squadra, nella massima serie israeliana, durante la stagione 2003/2004, vincendo anche la Uleb Cup; insomma un gran colpo del direttore sportivo Pasquale Festa e presidente Alessandro Rossano.

A fianco ad Ion giocherà Tommaso Fantoni pretoriano di Perdichizzi fin dai tempi di Barcellona Pozzo di Gotto; in possesso di ottime mani che gli hanno fruttato una carriera costellata di successi e vittoria di molti campionati Torino e Casale ne sono un esempio.
Dalla panchina della squadra campana escono Nicholas Crow, Marco Ammannato, classe ’88 con un passato in questa categoria, nelle ultime due stagioni a Scafati Basket dopo essere passato da Derthona.
Luca Izzo, playmaker classe ’95, alto 175 cm, scafatese di nascita e di residenza, formatosi nel vivaio gialloblù, due stagioni lontano dalla sua città, prima in serie B a Francavilla (13 punti, 4,7 rimbalzi, 3 assist di media a partita nelle 10 presenze registrate) e poi in serie A2 a Roseto Degli Abruzzi, dove però si è infortunato gravemente ad inizio novembre (rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio), chiudendo anzitempo la sua stagione agonistica.

Luca Di Palma, guardia classe ’96 sta muovendo i primi passi nella categoria; e Dobbins Anthony André, atleta con doppio passaporto (statunitense ed italiano) che può giocare tre ruoli, dal playmaker all’ala piccola, che ha grande esperienza e doti di palleggiatore e che ci consentirà di arricchire ed impreziosire il reparto esterni. Per Nicolas sarà un ritorno al Palafiera dopo il fattaccio dell’ultima partita di campionato ai tempi della Fulgor guidata da Massimo Galli. Scafati è una squadra capitata ai playout per caso e Forlì dovrà tenere le armi affilatissime.

Gara1: Basket Scafati – Unieuro Forlì domenica 30 aprile, alle ore 18,30, PalaMangano.
Gara2: Basket Scafati – Unieuro Forlì martedì 2 maggio, alle ore 21,00, PalaMangano.
Gara3: Unieuro Forlì – Basket Scafati venerdì 5 maggio, alle ore 19,30, Palafiera.
Eventuale Gara4: Unieuro Forlì – Basket Scafati domenica 7 maggio, alle ore 18,00, Palafiera.
Eventuale Gara 5: Basket Scafati – Unieuro Forlì mercoledì 10 maggio, alle ore 21,00, PalaMangano.

CONDIVIDI
Articolo precedente"Atti unici" al teatro di Predappio
Articolo successivo"L'Italia dell'Art Déco", Primo Maggio a Forlimpopoli e il grattacielo di Cesenatico
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!