felix san vicente e campus universitario

Al Campus di Forlì dell’Università di Bologna arrivano due nuovi corsi di dottorato, uno in Sociologia e ricerca sociale e uno in Scienze politiche e sociali. Una novità che garantisce al Campus una posizione competitiva nel mercato internazionale della formazione di terzo livello.
La scelta di attivare due nuovi dottorati a Forlì valorizzando così il Multicampus e l’internazionalizzazione – spiega Felix San Vicente (nella fotina), coordinatore del Campus di Forlì – risulta coerente con gli obiettivi strategici dell’Ateneo e dei dipartimenti interessati ed è supportata dai portatori d’interesse locali. Nei prossimi anni, il Campus si arricchirà di giovani che realizzeranno le loro ricerche in sede, in sintonia con il territorio e in coerenza con gli obiettivi strategici della terza missione“.
Al dottorato in Traduzione, Interpretazione e Interculturalità, già presente nel Campus di Forlì, si aggiungeranno quindi due nuovi corsi – in Sociologia e ricerca sociale e in Scienze Politiche e Sociali – che si trasferiranno a Forlì dalla sede di Bologna.
Il dottorato di ricerca in Sociologia e ricerca sociale, coordinato da Riccardo Prandini, è unico in ambito strettamente sociologico e l’unico su questo tema attivo in Emilia-Romagna. Il corso è afferente al Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia e forma studiosi e professionisti di elevata qualità scientifica, nelle scienze sociologiche, mettendoli in grado di esercitare qualificate attività di analisi e ricerca teorica ed empirica all’Università, enti pubblici, soggetti privati e del terzo settore, per finalità di ricerca di base e applicata.
Il dottorato di ricerca in Scienze Politiche e Sociali, coordinato da Daniela Giannetti, è invece afferente al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali e forma scienziati sociali in grado di padroneggiare gli strumenti della ricerca a un livello avanzato. Prepara alla carriera accademica, a professioni altamente qualificate all’interno di organizzazioni pubbliche e private, a percorsi di autonomo sviluppo di capacità imprenditoriali. Il programma coniuga una formazione metodologica comune con una formazione specialistica in cinque ambiti disciplinari: scienza politica, relazioni internazionali, studi d’area, teoria politica e sociologia.
Oltre alle due novità, resta confermato a Forlì anche il dottorato di ricerca in Traduzione, Interpretazione e Interculturalità, coordinato da Raffaella Baccolini e afferente al Dipartimento di Interpretazione e Traduzione. Il corso forma professionisti negli ambiti della traduzione e dell’interpretazione, altamente qualificati sia nel settore tecnico-scientifico che in contesti editoriali, fornendo la professionalità per ottenere incarichi di progettazione e coordinamento delle attività traduttive presso aziende ed istituzioni nazionali ed internazionali e nell’insegnamento. È un dottorato con un elevato tasso di internazionalizzazione che si collega con diverse università straniere, tra cui Oxford, Parigi, Barcellona, Utrecht, Mosca e Limerick.
Il Campus di Forlì offre opportunità di residenzialità, agevolando gli studenti iscritti ai corsi di dottorato sotto il profilo logistico e facilitando la creazione di un’autentica comunità scientifica. Inoltre, grazie alla presenza della Vicepresidenza della Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione, offre l’opportunità di acquisire specifiche competenze linguistiche e accedere a fonti in lingua, particolarmente importanti per alcuni percorsi in cui sono articolati i dottorati, aumentando la capacità di attrazione internazionale del programma.