tifosi calcio

Passi di danza made in Forlì per la Premiere League anglosassone. La forlivese Carolina Cortesi è la protagonista dello spot che, da qualche settimana pubblicizza, sulle più importanti reti televisive del Regno Unito, la Premiere League di football.
Carolina, 20 anni a luglio, è partita per l’Inghilterra a 16 anni, da sola, dopo aver superato l’audizione alla Rambert School di Londra, la più antica scuola inglese di balletto classico e contemporaneo. Si laureerà a Londra alla Rambert in Dance & Drama quest’anno a giugno. La passione per la danza è nata e cresciuta a Forlì alla scuola dell’Ateneo Danza in cui ha mosso i primi passi e grazie alla sua insegnante Stefania Sansavini che le ha permesso di superare i test di ammissione alla Rambert.

Per potersi dedicare interamente alla danza sin da subito ha dovuto trovare un lavoro; nei tempi liberi (mediamente studia e balla 9 ore al giorno tranne il week end) lavora presso un Pizza & Bakery e, di tanto in tanto, di domenica, la si può trovare a vendere pane e pizza italiani nel mercato di Richmond upon the Thames.
Ogni tanto è richiesta come modella per foto di moda, cortometraggi e spot e guadagna qualcosa che le serve per mantenersi ed alimentare la sua passione per la danza.
E così è stato anche in occasione dello spot per la Premiere League dove è stata scelta al termine di lunghi provini e che la vede danzare, sulle note della Ungarian Dance n.5 di Johannes Brahms, per sottolineare alcuni spettacolari gesti atletici di molte stelle del calcio anglosassone. Tre giorni di riprese per realizzare i quaranta secondi prodotti dalla PL Production, società facente parte del colosso della comunicazione IMG operante in oltre 30 Paesi nel mondo.

Oggi Carolina è già impegnata, in vista della laurea, a fare audizioni in tutta Europa per trovare una compagnia ed iniziare la carriera professionale. Le piacerebbe avere una possibilità anche in Italia, ma l’offerta di lavoro è molto scarsa (recentemente è stato sciolto il Corpo di ballo dell’Arena di Verona, il che’ la dice lunga sulle reali possibilità nel Bel Paese).