Forli calcio

Forlì – Sudtirol: 1-3

F.C. Forlì: Turrin, Conson, Capellupo, Tentoni, Adobati, Cammaroto, Sereni (83’ Spinosa), Bardelloni (66’ Tonelli), Alimi, Capellini (60’ Ponsat), Succi. A disp.: Semprini, Franchetti, Baschirotto, Piccoli, Parigi, Di Rocco, Martina Rini, Carini. All. Gadda.
SudTirol: Marcone, Bassoli, Gliozzi (79’ Lupoli), Fink, Tulli, Spagnoli (66’ Cia), Di Nunzio, Tait, Broh (54’ Furlan), Bertoni. A disp.: Montaperto, Riccardi, Lomolino, Torregrossa, Brugger, Packer. All. Viali.
Note – Ammonizioni: Marcone, Furlan, Tonelli. Marcatori: 2′ Tulli, 13′ Fink, 28′ Tentoni, 85′ Cia.

Quando arriva Tulli il Forlì perde al Morgagni. Proprio due anni fa quando giocava nell’Ancona Giacomo Tulli fu l’artefice del successo. Stessa cosa si è verificata nella 24° giornata di LegaPro ma nelle file del Sudtirolo con una sua rete e con l’invenzione che ha portato al terzo gol realizzato da Cia.

Cronaca. Partenza al fulmicotone del Südtirol che guadagna subito due calci d’angolo consecutivi in un minuto. Sulla seconda battuta dalla bandierina ad opera di Fink il cinico Tulli insacca per il vantaggio della squadra di Viali complice anche un’incertezza di Turrin. Ospiti scatenati. Al 4′ Gliozzi se ne va per vie centrali per poi spostarsi il pallone sul sinistro e scoccare un tiro mancino che si perde non di molto a lato. Il Forlì arranca ancora sotto shock, mentre il Südtirol gestisce molto bene il gioco pervenendo al raddoppio al 12′ su azione corale, avviata dall’imprendibile Tulli per il cross di Spagnoli sul secondo palo, dove Gliozzi di tacco serve il rimorchio di capitan Fink, il cui destro deviato da Cammaroto spiazza Turrin per il 2-0 altoatesino. Galletti ancora non pervenuti. In campo c’è solo la squadra di Viali. Al 22′ Gliozzi si avventa su un lancio profondo e supera il portiere con un pallonetto, intercettato dai difensori di casa, ma a salvare dalla terza capitolazione è l’arbitro che fischia un fallo del numero 9 biancorosso su Turrin. Al 28′ il Forlì si scuote, accorcia le distanze e torna in partita. Protagonista dell’azione è Bardelloni che da fondo campo crossa in area per il liberissimo Tentoni, che da posizione ravvicinata controlla e infila Marcone sul primo palo. Ora i Galletti liberati dalla catarsi della prima mezz’ora costruiscono un paio di buone occasione sempre dalla catena di destra. Al 34′ è sempre l’ispirato Bardelloni che arpiona la sfera e calcia nell’area piccola un cross dalla destra che pareva destinato sul fondo, ma Di Nunzio fa buona guardia. Per i padroni di casa è solo corner. Per i tirolesi ottima la prova di Fink in costruzione ma anche assist man su punizione non sfruttata dai compagni dopo il taglio in area. Al 41′ occasionissima per il Forlì che sbaglia un calcio di rigore con Bardelloni. A procurare il penalty è un nettissimo fallo di mano di Broh che ferma in area col braccio destro una conclusione di Capellupo. Bardelloni calcia il rigore con poca convinzione e termina poco fuori alla sinistra dell portiere che si era buttato sulla destra. Finisce senza recupero il primo tempo col vantaggio sudtirolese. 

Secondo tempo. Forlì si rende subito pericoloso con Alimi che aggira la pressione di Gliozzi e poi calibra un cross per il colpo di testa di Succi che Marcone in tuffo manda in angolo. Al 50′ su rimessa laterale a lunga gittata di Sereni fucilata tremenda dai 25 metri di Capellupo che si perde non di molto a lato. Al 53′ Fink si libera e va al cross, Bassoli si è ben liberato e cade in area. Proteste sudtirolesi ma l’arbitro non fischia il rigore. Escono Broh per Furlan e Capellini per Ponsat. Al 58′ altra occasione per i romagnoli con Alimi che scambia con Bardelloni e poi va al tiro, ma Marcone è prontissimo. Forlì prova a spingere alla ricerca del pareggio, Sudtirolo più attendista che propositivo, ma attento ad eventuali ripartenze. Altra girandola di cambi: escono Bardelloni (per Tonelli) e Spagnoli (per Cia). Arriva la stanchezza e aumentano i falli. Brutto intervento a metà campo di Furlan che finisce nell’elenco degli ammoniti. Baricentro del gioco mella tre quarti ospite. La squadra di Viali continua a soffrire. Al 75′ Tonelli dribbla Sarzi e mette centralmente sul primo palo dove Di Nunzio anticipa in extremis Ponsat. Al 79′ per i tirolesi esce Gliozzi ed entra Lupoli. Scivola Alimi nella propria area ma per fortuna dei biancorossi nessun avversario è pronto ad approfittarne. Marco Spinosa entra al posto di Samuele Sereni. All’85’ il Sudtirolo mette in ghiaccio il risultato con Cia pronto a farsi trovare pronto su una precedente parata di Turrin. Il protagonista è Tulli che innesca in verticale Cia che va due volte alla conclusione, trovando la rete sul secondo tiro e firmando la rete del 3-1. Dopo 5 ‘ di recupero termina il match. Il Sudtirolo sale a quota 27, il Forlì resta a 23.

Al termine della gara l’allenatore forlivese Massimo Gadda parte con l’episodio del rigore del possibile 2-2 sbagliato da Bardelloni. “Bardelloni è il rigorista. Se la sentiva e l’ha tirato. Ha segnato anche al 94’ dal dischetto. I rigori si possono sbagliare. Sicuramente però è un episodio determinante perché ci avrebbe dato una spinta incredibile”. Il mister crede che i giocatori possano imparare da questo risultato: “Spero che questo risultato possa essere di insegnamento per tutti. Ho sempre detto che il campionato era durissimo, e sentivo comunque parlare di Morgagni fortino e Forlì ammazza grandi. Questa è la dimostrazione che è dura”. 

Gadda è comunque fiero della reazione dei ragazzi che hanno sfiorato il pareggio: “Abbiamo fatto una buona partita con il fardello dei due gol siamo riusciti quasi a rimediarla senza rischiare troppo. Dovevamo essere più svegli e non regalare due reti così. Purtroppo questa partita somiglia a quella col Teramo. Ma è proprio per questo che secondo me i ragazzi hanno fatto bene, perché l’abbiamo quasi rimediata”. Poi il suo parere sulla partita di Capellini e Succi: “Nicola è un giocatore particolare, vive di strappi, difficilmente trova continuità in una domenica. Ha delle accelerazioni e dei colpi importanti, oggi non li ha trovati, pazienza. Succi ha fatto un po’ di fatica all’inizio, poi è entrato nel match e ha fatto una buona gara”.

In sala stampa si presenta poi Simone Tonelli, entrato in campo al 66’: “Quando in una partita così equilibrata ti trovi sotto di due reti dopo pochi minuti è dura riprendersi. Però ci siamo andati vicini, abbiamo avuto il pallino del gioco nel secondo tempo. Sicuramente loro sono partiti più aggressivi, ma poi la rabbia per lo svantaggio ci ha fatto gestire a noi la gara”. In certe azioni non sarebbe meglio cercare di più la conclusione in porta ed essere un po’ più egoisti? “Penso che in campo le situazioni si vivono al momento, cerchiamo sempre di servire il giocatore messo meglio”.

Infine il capitano Stefano Capellupo: “Siamo partiti male, sono cose che possono ammazzare la partita. Però siamo ripartiti subito e potevamo fare il 2-2. Non è successo, ma nel secondo tempo siamo partiti con il piglio giusto. Poi purtroppo una palla persa e abbiamo subito il terzo gol. Lì la partita è finita. Loro sono un’ottima squadra, lo sapevamo – conclude il capitano – era il primo scontro diretto, non è stato un buon inizio. Ci eravamo preparati bene, ma la LegaPro è fatta di episodi. Adesso da martedì a testa bassa ci rimetteremo al lavoro”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI lumini della Madonna del Fuoco
Articolo successivoContro Sesto... sesta vittoria consecutiva della Bleu Line
Classe 1963, diploma in Ragioneria, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.